Dimartino: «Io, tra Lucio Battisti e la mia Palermo» in concerto al Monk di Roma
di Ilaria Del Prete

Dimartino: «Io, tra Lucio Battisti e la mia Palermo» in concerto al Monk di Roma

Dimartino, cantautore della scena indie al secolo Antonio Di Martino, oggi è al Monk con il suo Afrodite tour.
Cosa bisogna aspettarsi da questo live?
«È denso, molto “suonato”. Con me ci sono il batterista Giusto Correnti, il pianista Angelo Trabace e Simona Norato alla chitarra, che hanno lavorato con me negli anni. Ha il sapore familiare del ritorno a casa. Mi piace pensarlo simile a un rito»

L’album Afrodite arriva a quattro anni dall’ultimo. Cosa è cambiato?
«Ho acquisito esperienza. Conosciuto persone. Fatto viaggi. Mi sono arricchito di storie. L’approccio alla musica è rimasto invariato».

Quali sono i temi?
«La nascita di mia figlia mi ha fatto riflettere sulla paura di perdere un altro essere umano. Il disco è anche pieno di rimandi legati alla mia città, Palermo. Dagli anni ‘90, dopo le stragi, ad oggi, che è tornata a essere molto accogliente, in cui le culture si mescolano e si arricchiscono a vicenda».

L’hanno paragonata all’ultimo Lucio Battisti. Quanto sente l’influenza della musica degli anni ‘70?
«In questo disco l’ho citato in maniera involontaria, ma quello è stato un periodo felice della musica italiana. Volevo trovare una terza via, fare di Battisti qualcosa di contemporaneo».

riproduzione riservata ®
ilaria.delprete@leggo.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA