Renzi alla Leopolda: «Far cadere il governo? Sarei schizofrenico». E omaggia Cantone

«Se voglio far  cadere il governo? L'abbiamo fatto partire un mese fa, se lo facciamo cadere dopo un mese ti ricoverano per schizofrenia». Così scherza Matteo Renzi dal palco della Leopolda. «Se lanciamo delle idee non potete dirci che sono ultimatum: gli ultimatum li lanciano i populisti, se non si capisce la differenza vuol dire arrendersi al populismo», ha aggiunto.

«Se noi lanciamo delle idee non potete dirci che sono ultimatum. Pensare che non c'è differenza tra idee e ultimatum, credo sia la resa della politica al populismo», spiega Renzi. 

«Tra le tante persone che sono passate da questo palco della Leopolda in questi dieci anni e che voglio ricordare perchè ha lasciato un segno, ne scelgo una, una sola: in queste settimane ha rassegnato le dimissioni un magistrato che per anni ha lavorato con noi, Raffaele Cantone, per anni un esempio a livello internazionale nella lotta alla corruzione. Sono orgoglioso che sia stato il mio governo a dar vita all'Autorità nazionale anticorruzione - ha aggiunto Renzi - Un grande applauso dalla Leopolda per Raffaele Cantone nel momento in cui lascia l'Anac, per chi lotta davvero contro la corruzione e non fa spot, ma fa la buona politica».


Renzi fa il pieno alla Leopolda e avverte: «Vogliamo contare». Pressing su Mara Carfagna

 

Venerdì 18 Ottobre 2019, 21:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA