Salvini, via da moduli “genitore 1” e “2”: sulle carte d'identità tornano “madre” e “padre”. «Difendiamo famiglia naturale». Ma sul sito c'è solo "genitori"

Salvini, via da moduli “genitore 1” e “2”: sulle carte d'identità tornano “madre” e “padre”. «Difendiamo la famiglia naturale». Ma sul sito c'è solo "genitori"

  • 2,8 mila
    share
«Mi è stato segnalato che sul sito del ministero dell'Interno, sui moduli per la carta d'identità elettronica c'erano "genitore 1" e "genitore 2". Ho fatto subito modificare il sito ripristinando la definizione »madre« e »padre«. È una piccolo segnale ma farò tutto quello che è possibile e che è previsto dalla Costituzione. Difenderemo la famiglia naturale fondata sull'unione tra un uomo e una donna». Così il Ministro dell'interno Matteo Salvini in un'intervista al giornale cattolico on line La Nuova Bussola Quotidiana. 

Sulla questione della trascrizione dei matrimoni gay Salvini ricorda nell'intervista «di avere chiesto un parere all'avvocatura di Stato e ho dato indicazione ai prefetti di ricorrere. La mia posizione è fermamente contraria». «Quella tra Lega e 5 Stelle è un'alleanza nata in maniera particolare: movimenti diversi, storie diverse, culture diverse -aggiunge Salvini riferendosi in particolare ai temi etici- È un'alleanza di cui sono pienamente soddisfatto, che rifarei domattina, con un contratto di governo che su alcuni temi sensibili non ha scritto nulla perché abbiamo posizioni diverse. La Lega è per la libertà di educazione, per il diritto alla vita, per la difesa della famiglia naturale. Ma siccome i nostri alleati su questo non sempre la pensano come noi, accontentiamoci che non vengano fatti altri danni. In certi campi meglio non fare niente che fare danni. Poi nella suddivisione del governo, abbiamo scelto il ministero della Famiglia e della disabilità; il ministero dell'Interno, che si occupa anche di discriminazioni e tematiche gender; il ministero dell'Istruzione per dare una chiara impronta alla libertà di educazione e al rispetto di alcuni princìpi».

Sul sito del ministero però, il modulo che serve da esempio non porta più effettivamente "genitore 1" e "genitore 2" ma solo "genitori". "L'impegno politico del ministro - confermano dal Viminale - è ridare dignità alla figura di madre e padre. Al momento sui moduli è stata inserita la definizione Genitore".


Venerdì 10 Agosto 2018 - Ultimo aggiornamento: 19:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2018-08-10 17:59:52
Era ora! Giusto!
2018-08-10 17:10:16
e a chi non piace può benissimo andare olt'alpe,i francesi sono "avanti"
2018-08-10 16:32:07
Bah, con tutti i problemi da risolvere in questo paese questo (che a mio avviso NON è un problema ma una cpsa civile) mi pare tempo e fiato sprecato.
2018-08-10 16:16:41
Avere figli deve essere un atto di altruismo e di amore non una forma di egoismo a tutti i costi, bisogna pensare a priori cosa è meglio per queste creature, avere un padre e una madre e farli crescere sani e con punti di riferimento o avere due madri o peggio ancora due padri e farli crescere confusi e disorientati? Meditate....
2018-08-10 17:27:05
Seguendo questo ragionamento dovremmo togliere i figli a tutte le coppie separate. Poveri bambini, DEVONO avere un padre ed una madre: o ti risposi in due mesi o ti togliamo i figli!
DALLA HOME