Gianluigi De Palo su Leggo: «Tribuna politica in famiglia»
di Gianluigi De Palo

Gianluigi De Palo su Leggo: «Tribuna politica in famiglia»

Casa De Palo è un piccolo parlamento. C'è il renziano, il salviniano-berlusconiano, la figlia di sinistra che però non tollera le ingerenze politiche a scuola e quella fissata con Conte che contemporaneamente apprezza anche la Meloni Insomma c'è un po' di tutto. Non ancora tutti troppo consapevoli di cosa voglia dire essere di destra o di sinistra, ma sicuramente curiosi di capire ciò che sta accadendo in queste ore nel nostro Paese. E allora in quest'ultima settimana le nostre cene sono diventate una sorta di tribuna politica. Anche da noi c'è chi vorrebbe le elezioni, chi un nuovo governo, chi darebbe ancora fiducia a Conte e chi, addirittura, vorrebbe chiedere alla Merkel di diventare ad interim presidente del consiglio in Italia. Noi li guardiamo litigare e confrontarsi animatamente cercando di fargli trovare una soluzione condivisa. Una specie di gioco di ruolo silenzioso. Non solo è divertente, ma anche utile perché la politica, ci piaccia o non ci piaccia, è necessaria. E provare ad appassionare un figlio alla cosa pubblica è un dovere educativo. Perché l'educazione civica non si può fare solo a scuola.
occhidipadre@leggo.it


Ultimo aggiornamento: Giovedì 28 Gennaio 2021, 14:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA