Roma, al Policlinico di Tor Vergata saltano i vaccini: tutti a casa, centro chiuso per Pasqua

Video
di Marco Esposito

È Pasqua e, nonostante le buone intenzioni, le vaccinazioni nel Lazio vanno a velocità ridotta. Infatti, nel primo pomeriggio di oggi, al Policlinico universitario di Tor Vergata è avvenuto qualcosa di clamoroso e che, in questo periodo, fa anche rabbia. Circa una quarantina di cittadini infatti, si sono presentati - come da prenotazione ricevuta dal sistema regionale, al centro vaccinale dell'ospedale intorno alle 15 ma...lo hanno trovato chiusi. 

 

Ad "accoglierli" non un cartello, non un responsabile, non un sms che li avvisasse: ma solo una guardia giurata. Molti, infuriati, hanno chiesto - invano - spiegazioni: non c'era nessuno che potesse offrirgliele. Eppure sui loro telefonino, tre giorni fa, era arrivata via sms la conferma della loro prenotazione. Ma il centro vaccinale era chiuso, gli addetti a casa a godersi probabilmente a godersi abbacchio e colomba. E loro, invece, tutti radunati nell'atrio del Policlinico senza avere una spiegazione ufficiale. Una scena surreale. 

 

«Non c’era un medico, un infermiere, un amministrativo. Ospedale deserto» racconta a Leggo Andrea che aveva accompagnato la nonna - 100 anni - a vaccinarsi. «Hanno chiuso il centro vaccini - prosegue Andrea - senza la premura di mandare un sms, una email, fare una telefonata. Non hanno neanche stampato un cartello da affiggere all’ingresso». Vi rendete conto, una donna di cento anni, portata con molte difficoltà a Tor Vergata, nel giorno di Pasqua, era felice di vaccinarsi, ma invece della tanto desiderata dose, ha trovato "solo" una guardia giurata.

 

Andrea - che vive a Londra dove la campagna vaccinale è andata avanti a ritmi serrati fa fatica a credere a quello che ha visto e si sfoga con Leggo: «C'era solo un vigilanteche poi ci ha messo in contatto con uno della direzione sanitaria, anch’egli a casa a mangiare. Se ne riparla dopo Pasquetta, apparentemente martedì perché domani immagino staranno ancora impegnati con la colomba». 

 

LA VERSIONE DEL POLICLINICO 

Nel tardo pomeriggio le persone che non sono riuscite a vaccinarsi nel pomeriggio sono state contattate al telefono dal Policnico. Secondo quanto ricevuto come spiegazione dall'Ospedale la colpa sarebbe della Regione Lazio. Secondo quanto raccontato dai responsabili del centro vaccinale «Il REcup regionale ha preso un appuntamento sbagliato perché la domenica pomeriggio siamo chiusi. Quando ci siamo accorti che c'erano dei prenotati abbiamo chiesto al Recup regionale di riprogrammarli». Cosa che evidentemente non è avvenuta. Le persone che oggi non sono state vaccinate - a causa di questa macroscopico errore - dovrebbero esserlo martedì. 


Ultimo aggiornamento: Martedì 6 Aprile 2021, 14:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA