Roma, maxi ricompensa a chi trova l'orsetto di peluche. Un papà francese disperato: «Mia figlia non dorme senza»

Si chiama Nounou il peluche perso da Caroline-Maria, la ragazzina di 13 anni che vive a Marsiglia con la famiglia

Roma, maxi ricompensa a chi trova l'orsetto di peluche. Un papà francese disperato: «Mia figlia non dorme senza»

Una maxi ricompensa a chi trova un orsacchiotto di peluche. Succede a Roma, nel quartiere Balduina. Dove sono apparsi piccoli manifesti: 500 euro di ricompensa a chi dovesse ritrovare un orsachiotto di peluche, di colore bianco, smarrito l'11 luglio scorso nel quartiere della Balduina a Roma. Un cartello curioso affisso sui pali della luce e che potrebbe far pensare ad uno scherzo, ma è tutto vero. A uno dei due numeri da contatttare in caso di ritrovamento risponde Federico, un papà francese che vive con la sua famiglia a Marsiglia e ha perso il peluche di sua figlia durante una breve vacanza a Roma.

Angelo Duro, il cartellone: «Vi auguro una bellissima giornata», ma il finale è da censura. Cosa c'era scritto

La vacanza a Roma

La voce di Federico è triste, quasi angosciata. Si intuisce che Nounou, questo il nome dell'orsacchiotto, ha un valore troppo importante per sua figlia Caroline-Marie, 13 anni. «Se non lo fosse non darei 500 euro di ricompensa e non sarei venuto in macchina a Roma già due volte nell'ultimo mese per affiggere i manifesti in diverse zone della città», racconta al telefono il padre disposto a tutto per la sua bambina. «Con la famiglia abbiamo trascorso 4 giorni a Roma, in un apart-hotel alla Balduina, e non capiamo dove possa essersi perso. L'orsacchiotto dorme con lei da quando è nata, e anche a Roma ha dormito tutte le notti con lei. L'ultimo giorno ho fatto dei giri, ho preso l'autobus, sono andato in una libreria in Viale Giulio Cesare, ho comprato delle cartoline e tornando in hotel, sono certo di averlo messo nel mio zaino, ma il giorno della partenza non l'abbiamo più trovato» racconta ancora Federico, che nonostante la disperazione della figlia è tornato in auto a Marsiglia.

Valentina Giunta, uccisa a coltellate a 32 anni. Fermato il figlio minorenne. Il dolore sui social: «Spero tu abbia trovato la pace»

Al momento nessuno ha telefonato a Federico. «Ho messo i manifesti nell'hotel, al capolinea del bus, al tabaccaio dove ho preso le cartoline, in panetteria, in libreria, in tutti i luoghi dove siamo passati quel giorno. Ho anche contattato la società che fa le pulizie nel'hotel, distante 40 km dall'hotel, ma niente Nu-Nu non si trova».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 27 Luglio 2022, 20:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA