Schianto frontale all'alba, Michael muore a 22 anni
di Stefano Cortelletti

Roma, schianto frontale all'alba: Michael muore a 22 anni ad Ardea

Ennesimo tragico incidente su via Pratica di Mare, ad Ardea, strada che continua a collezionare primati per il numero di moti registrati sulle strade. L’ultima vittima in ordine di tempo è Michael Lasala, 22 anni, che ieri mattina a bordo della sua Ford Fiesta stava rientrando a casa in via Gaeta a Nuova Florida quando, per cause ancora da accertare, si è schiantato frontalmente contro una Suzuki diretta verso Pomezia e condotta da un cacciatore di Ardea, in auto con i suoi due cani.

Lite e pugni tra autista e passeggera, il bus sbanda e precipita nel fiume: 13 morti Il video della tragedia

L'IMPATTO
L’impatto è avvenuto all’altezza di una curva in prossimità di via Trento, a poche centinaia di metri dal supermercato. Uno schianto terribile, stando ai residenti della zona che hanno udito il tonfo: pioveva e mancavano pochi minuti alle sei quando le due auto sono entrate in contatto. Con tutta probabilità la velocità di una delle due vetture era sostenuta: l’impatto ha provocato il distacco del motore della Ford che è stato ritrovato in un campo a un centinaio di metri di distanza. Il corpo di Michael è stato sbalzato fuori dall’abitacolo: all’arrivo del 118 e dei vigili del fuoco, si è tentato il tutto per tutto per salvare la vita dei due automobilisti. Purtroppo per il 22enne non c’è stato nulla da fare: il suo cuore ha smesso di battere non appena giunto al pronto soccorso della clinica Sant’Anna di Pomezia. Il corpo è stato successivamente trasferito al policlinico di Tor Vergata, dove nelle prossime ore sarà effettuata l’autopsia, così come disposto dal pm Cristiana Macchiusi della procura di Velletri. Il cacciatore è invece ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Sant’Eugenio, ma non sarebbe in pericolo di vita.

I RILIEVI
È la polizia locale di Ardea ad essere chiamata a fare luce sulla dinamica del violentissimo scontro. Via Pratica di Mare è rimasta chiusa al traffico fino alle 11 per consentire i rilievi. Sotto accusa l’alta velocità e il manto stradale reso viscido dalle forti piogge. Nel punto in cui è avvenuto lo scontro, lo stato del manto stradale è abbastanza buono: per una volta, con tutta probabilità, le buche non c’entrano. Michael, diplomato all’istituto Copernico nel 2016, lavorava presso il Belvedere di Torvaianica, stabilimento balneare aperto anche durante l’autunno con serate a tema. Unanime il cordoglio sui social: gli amici ricordano il 22enne scomparso come
«un bravissimo ragazzo, sempre gentile con tutti e un grande lavoratore».

È il terzo incidente mortale in due anni su via Pratica di Mare: nel luglio 2016 l’investimento di Mirko De Pace, morto pochi giorni prima di compiere 18 anni, ucciso dall’auto di un ragazzo ubriaco e drogato; il primo aprile 2017 la morte del meccanico Marco Pesci, mentre era a bordo della sua moto. Nel 2010, invece, l’incidente nello stesso punto del mortale di ieri mattina ha costretto per sempre sulla sedia a rotelle una ragazza oggi trentenne: la colpa è stata attribuita alla scarsa manutenzione stradale da parte del Comune, che ha risarcito la ragazza con due milioni di euro.
 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 2 Novembre 2018, 10:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA