Gianluigi De Palo su Leggo: «Un assegno per ripartire»

Gianluigi De Palo su Leggo: «Un assegno per ripartire»

Gabriele davanti alla tv mi offre un assist clamoroso: «Papà perché è tanto importante l'assegno unico». A parte il fatto che ci ho lavorato senza sosta quattro anni, figlio mio, è importante perché è una misura che va oltre l'assistenzialismo e prova a fare un investimento sui figli, riconosciuti come un bene comune. Perché erano quarant'anni che in Italia non si sentiva parlare così tanto di famiglia, di figli, di natalità, senza divisioni ideologiche. Perché sta risvegliando nelle famiglie ormai rassegnate dall'unico obiettivo di arrivare alla fine del mese, il desiderio di progettare, di sognare, di non avere paura. Perché non è un debito buono, ma un debito buonissimo perché prende le risorse che stiamo prendendo in prestito dalle nuove generazioni e le investe sulla loro crescita e sul loro presente. Perché è riuscito a ricompattare il Paese. Perché ha messo attorno allo stesso tavolo tutti i partiti politici, nessuno escluso. Perché è stato votato da maggioranza e opposizione. Perché quando arriva ti compro la maglietta originale di Messi!


occhidipadre@leggo.it

 

---------------------------------------------------------------


Gigi De Palo, 44 anni sposato con Anna Chiara e padre di 5 figli. Giornalista e scrittore si occupa di formazione sul tema de "La leadership etica". Èstato presidente delle Acli di Roma e Assessore tecnico alla Scuola e Famiglia del Comune di Roma. Dal novembre del 2015 è Presidente Nazionale del Forum delle Famiglie. Il suo ultimo libro, scritto a quattro mani con la moglie ed edito dalla Sperling & Kupfer si intitola "Adesso viene il bello".


Ultimo aggiornamento: Giovedì 27 Maggio 2021, 06:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA