Pordenone, infermieri e operatori sanitari no-vax sospesi fino a quando non «riceveranno le dosi»

Pordenone, infermieri e operatori sanitari no-vax sospesi fino a quando non si vaccinano

Niente vaccino? Non puoi lavorare in ospedale, a contatto con i malati. Sono 177 gli operatori sanitari residenti in provincia di Pordenone che non hanno adempiuto all'obbligo vaccinale anti Covid e che ora sono stati sospesi.

Pordenone, infermieri e operatori socio sanitari sospesi perché non vaccinati

 

Tra questi ci sono 46 infermieri. Ne danno notizia i quotidiani locali. L'Azienda sanitaria Friuli occidentale (Asfo) ha pubblicato l'atto di accertamento dell'obbligo vaccinale - redatto dal Dipartimento di prevenzione - il quale determina la sospensione dell'attività che comporta il rischio di diffusione del virus. Il provvedimento stabilisce la sospensione immediata fino ad avvenuta vaccinazione o al 31 dicembre.

 

Zona gialla, contagi in crescita: quattro regioni a rischio, ma i governatori chiedono nuovi parametri. Le regole

«Questa azienda - si legge nel documento ufficiale - ha provveduto ad invitare formalmente 177, tra esercenti le professioni sanitarie e operatori di interesse sanitario, a sottoporsi nel mese di giugno alla somministrazione del vaccino anti Sars-Cov-2, indicando termini e modalità, ma i medesimi non si sono presentati agli appuntamenti programmati». Dell'accertamento dell'inosservanza dell'obbligo vaccinale «sarà data immediata informazione all'interessato, al datore di lavoro (ove noto) e all'ordine professionale di appartenenza (ove presente), comunicando contestualmente la sospensione dal diritto di svolgere prestazioni o mansioni che implicano contatti interpersonali o comportano, in qualsiasi altra forma, il rischio di diffusione del contagio da Sars-Cov-2».

Green pass in Francia per bar, ristoranti e mezzi pubblici: boom di richieste vaccino, quasi un milione in poche ore

 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 16 Luglio 2021, 11:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA