Milano, scontro tra bus Atm e camion Amsa: i due conducenti indagati per omicidio stradale

Sono indagati per omicidio stradale i due conducenti alla guida del camion Amsa e del filobus Atm coinvolti nell'incidente choc di sabato mattina in cui ha perso la vita una donna di 49 anni di nazionalità filippina, Shirley Calangi Ortega. I due conducenti sono stati sottoposti a esami tossicologici i cui esiti non sono stati ancora comunicati. 

Leggi anche > Chi è la vittima: la tata Shirley aveva 49 anni. Il sindaco: «Era donna straordinaria»

Per la 49enne è 
stata disposta l'autopsia: la tata Shirley è stata sbalzata fuori dal filobus dell'Atm (linea 91) nello scontro con un camion dei rifiuti dell'Amsa. Un video, che riprende l'incrocio tra viale Bezzi e via Marostica, mostrerebbe come l'autista del filobus avrebbe proseguito nonostante avesse il semaforo rosso, impattando così contro il camion che invece avanzava con il verde. Una dinamica su cui la procura è intenzionata a fare luce. 



Il pm Stagnaro ha proceduto oggi con le iscrizioni di entrambi i conducenti dei due mezzi che si sono scontrati, come atto dovuto a garanzia degli indagati per svolgere tutti gli accertamenti e come avviene sempre in questi casi. Il pm ha poi disposto gli esami tossicologici sui conducenti (i risultati sono attesi per i prossimi giorni) e ha dato una delega ampia alla Polizia locale milanese per effettuare una serie di indagini al fine di ricostruire la dinamica esatta dell'incidente.

Lo scontro tra il filobus e il camion di rifiuti, avvenuto alle 8.09 di sabato all'incrocio tra viale Bezzi e via Marostica, nella zona nord-ovest di Milano, è stato ripreso, tra l'altro, da una telecamera privata di un palazzo nelle vicinanze del luogo dell'incidente. Il video mostra che l'autista del bus della linea 90/91, che procedeva a velocità elevata, non si è fermato al semaforo rosso e per questo il mezzo è andato a schiantarsi contro il camion che, invece, avanzava con il verde.

Stando a quanto chiarito, ad ogni modo, gli inquirenti dovranno valutare ancora diversi elementi, tra cui anche la velocità esatta dei due mezzi, prima di avere delle risposte certe sul terribile incidente che ha provocato 12 feriti, portati in ospedale (ricoverati anche i due conducenti del filobus Atm e del mezzo dell'Amsa), e un morto, la donna filippina finita in coma e deceduta ieri. Per capire, poi, il motivo per il quale l'autista del filobus, che ha bruciato il 'rosso', si sia distratto ci saranno anche accertamenti sul suo cellulare che è stato sequestrato, così come i due mezzi.
Ultimo aggiornamento: Lunedì 9 Dicembre 2019, 16:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA