Vaccini, De Magistris choc: «Siamo tutti cavie, tra qualche anno sapremo cosa ci hanno messo nel braccio»

Vaccini, De Magistris choc: «Siamo tutti cavie, tra qualche anno sapremo cosa ci hanno messo nel braccio»

Dal sindaco di Napoli e candidato governatore della Regione Calabria, Luigi De Magistris, questo pomeriggio ospite a Tagadà su La7, arrivano dichiarazioni destinate a far discutere riguardo ai vaccini anti Covid. Secondo De Magistris noi cittadini «siamo tutti cavie, e non sapremo se non tra qualche anno cosa ci siamo messi nel braccio. Questo è evidente, perché la sperimentazione è stata fatta in poco tempo».

 

«In questo momento ogni persona di buon senso, anche chi ricopre cariche istituzionali, non si può inventare come fa De Luca scienziato, virologo, esperto del farmaco o ricercatore: noi dobbiamo affidarci ai medici, agli scienziati, al Cts, all’Istituto Superiore di Sanità», ha detto De Magistris. «Sperando che ci sia una comunicazione più efficace di quella di Figliuolo: io sono dell’idea che gli esseri umani debbano avere gli stessi diritti in ogni parte del mondo».

 

 

«Spero che le Regioni - ha aggiunto - la smettano di fare propaganda e protagonismo fini a se stessi e che i cittadini si affidano alla scienza come ho fatto io: nella mia famiglia qualcuno ha fatto Pfizer, qualcuno AstraZeneca, ci affidiamo a quello che ci danno».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 16 Giugno 2021, 16:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA