Minorenne costretta a prostituirsi: «Costavo 500 euro l'ora». Quattro persone arrestate: i nomi

Minorenne costretta a prostituirsi: «Costavo 500 euro l'ora». Quattro persone arrestate: i nomi

di Redazione web

Da un'aggressione ai danni di una 17enne è affiorata un'orribile storia di prostituzione di una minorenne tra il Salento e il Barese. Quattro le persone arrestate: tre donne e un uomo di Maglie che aveva il ruolo di autista.

Il sesso fuori dal matrimonio è reato: convivenze vietate in Indonesia e 5 anni di carcere a chi tradisce. Pene anche per gli stranieri

Marco, 25enne di Fondi massacrato in un pub di Londra. È in fin di vita, la famiglia: «Avvisati su Facebook»

Il racconto della vittima 17enne

«A Monopoli siamo state circa una settimana dove venivano quotidianamente clienti. Lavoravo con un altro nome. Ho fatto 13mila euro. Dieci minuti con me erano 100 euro mentre un'ora di rapporto 500 euro». È un passaggio del racconto che la 17enne aggredita ad Andria ha consegnato ai carabinieri e inserito nella ordinanza di custodia cautelare firmata dalla gip del tribunale di Trani, Carmen Anna Lidia Corvino che ha fatto finire in carcere quattro persone.

Gli arrestati

In carcere sono finite le gemelle Francesca e Federica Devito, 22 anni, di Toritto, Marilena Lopez, 32 anni, di Bari ma residente a Napoli e Andrea Passaro, 26 anni, di Maglie, che aveva solo il ruolo di autista.

Nelle 42 pagine di racconto della 17enne si leggono frasi che sembrano candide confessioni di una adolescente che ha trascorso i primi mesi dell'anno tra B&B, alberghi e case vacanza dislocati in diverse province pugliesi senza disdegnare trasferte a Milano in hotel e club privé. Le due donne che avrebbero gestito clienti, orari, luoghi e costi degli incontri a luci rosse vengono catalogate come «escort» dalla vittima. Due sorelle gemelle di 23 anni che senza alcun tipo di scrupolo - emerge dalle carte dell'inchiesta - avrebbero gestito ragazze poco più che bambine come merce da piazzare in base alle richieste di chi ne reclamava performance e compagnia.


In un'occasione, accompagnata dall'autista delle 23enni, la ragazzina raggiunge Barletta dove in un B&B ci sono le due. «Si prostituivano insieme: 100 euro a testa», riferisce a chi indaga e aggiunge: «Loro hanno iniziato a lavorare avendo dei rapporti sessuali con dei clienti mentre io mi chiudevo in bagno quando entravano i clienti. Sono stata con loro fino a mezzanotte e ho visto che hanno guadagnato mille euro». Poi da quelle toilette è venuta fuori entrando in chat whatsapp in cui circolava «la lista del tipo di rapporto sessuale che i clienti preferivano (come ad esempio mistress), scegliendo con quante ragazze stare».

Settimane tra Monopoli e Lecce

La 17enne trascorre settimane e giorni a Monopoli e Lecce spostandosi a Trani e Bisceglie ma quando si rende conto che le sorelle non versano i soldi pattuiti decide di lasciare tutto. È stato allora che sono arrivate le prime intimidazioni. «Le due gemelle mi hanno minacciato dicendo testuali parole: «Con noi hai imparato a lavorare, quindi o muore il mestiere o muori tu. Sono dovuta partire per Milano», racconta dove tra insulti e botte aveva una media di «15 clienti al giorno». «Specifico mette a verbale - che mi sono prostituita per dare metà dei soldi a mia madre, visto che la mia situazione famigliare economica non è delle migliori, mentre l'altra metà dei soldi volevo conservarli per potermi pagare la scuola e l'università».


Ultimo aggiornamento: Martedì 6 Dicembre 2022, 18:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA