Giuseppe Liotta trovato morto nel fango. La moglie in lacrime: «Voglio vedere il suo corpo»
di Domenico Zurlo

Giuseppe Liotta trovato morto nel fango. La moglie in lacrime: «Voglio vedere il suo corpo»

  • 5,5 mila
    share
L'epilogo è stato tragico. Giuseppe Liotta, il medico palermitano 40enne scomparso sabato sera nel nubifragio che si è abbattuto in provincia di Palermo, è stato trovato morto dopo oltre 4 giorni di ricerche, in un vigneto in territorio di Roccamena (Palermo). Il vigneto appartiene ad un'azienda agricola allagata dal fiume Belice sinistro. Il cadavere di Liotta, che si trovava in mezzo a cumuli di fango, è stato notato dall'equipaggio di un elicottero della Polizia di Stato.

Meteo, ancora piogge nel weekend. Ma da lunedì l'estate di San Martino porterà il caldo
Giuseppe Liotta scomparso sabato: stava andando a curare i suoi piccoli pazienti



Casteldaccia, palloncini bianchi ai funerali. Una parente sviene, peluche sulla bara della piccola Rachele

Dopo l'inviduazione del corpo, gli uomini del corpo nazionale soccorso alpino si sono calati in mezzo a cumuli di fango alti un metro e hanno raggiunto il cadavere.
Il corpo di Liotta era in località Frattina al confine tra Roccamena e Monreale, a circa 10 chilometri da dove era stata trovata l'automobile del medico.



Del medico pediatra 40enne si erano perse le tracce sabato sera mentre si recava in ospedale a Corleone per prendere servizio: dalla notte di sabato le ricerche non si erano mai interrotte. Giuseppe lascia la moglie Floriana e due figli piccoli: sul posto proprio la moglie e i parenti che non si sono mai allontanati dal luogo della scomparsa.




Liotta era partito da Palermo verso le 18.30 e si stava recando nell'ospedale di Corleone per prendere servizio alle 20. Superato l'obelisco di Ficuzza ha percorso un tratto della Statale, difficile da percorrere a causa del nubifragio che era in corso, e si è poi immesso, probabilmente per errore, sulla strada provinciale. L'auto è stata trovata un po' più a valle della provinciale dopo il ponticello Drago. La reazione della moglie, Floriana Di Marco, è straziante: tra le lacrime, la donna ha chiesto insieme ad altri familiari di vedere il suo corpo. «Ho bisogno di vedere mio marito. Ho già visto le scarpe e i vestiti. Lo voglio vedere. Sono un medico e so come può essere ridotto ma lo voglio vedere», le sue parole piene di commozione. 
Giovedì 8 Novembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 12:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME