Incendi, treni sospesi per oltre due ore sulla Roma-Firenze. Linee nel caos anche in Friuli. Fiamme vicino alle case a Lucca

Incendi, treni sospesi per oltre due ore sulla Roma-Firenze. Linee nel caos anche in Friuli. Fiamme vicino alle case a Lucca

L'Italia nella morsa dei roghi. Fiamme sulla linea direttissima Roma-Firenze: treni sospesi. Caos per la circolazione dei treni anche in Friuli Venezia Giulia, dove pure sulle autostrade si circola con difficoltà. La circolazione delle Frecce tra Roma e Firenze è stata sospesa dalle 16.55 e poi ripresa verso le 19. Disagi per chi viaggia su Intercity e regionali: lo comunica Trenitalia sul proprio sito avvisando che i treni potranno subire ritardi e variazioni di percorso. È stato attivato anche l'intervento con mezzi aerei. A causa delle fiamme e del denso fumo che sta interessando la ferrovia il traffico dei treni sulla direttissima è stato sospeso.

Roma-Firenze nel caos, i treni sospesi

Ecco il comunicato di Trenitalia: le Ferrovie hanno reso noto che la circolazione ferroviaria è stata interrotta dalle 16.55 fra Chiusi e Orvieto sulla linea Alta velocità Firenze-Roma e su quella convenzionale per l'incendio in prossimità dei binari che sta interessando la zona. Sono coinvolti i treni AV sulla direttrice Torino-Salerno, per Venezia e Verona. Ritardi e cancellazioni - spiegano le Ferrovie - anche per i treni regionali sulla Roma-Firenze convenzionale. In attesa che sia autorizzata la ripresa della circolazione «Rfi e le imprese di trasporto coinvolte si sono attivate sul fronte dell'informazione e dell'assistenza ai viaggiatori e nella riprogrammazione dell'offerta ferroviaria».

La circolazione ferroviaria è poi ripresa alle ore 19 sulla linea Alta Velocità Firenze - Roma dopo lo stop, dalle 16.55, fra Chiusi e Orvieto per un incendio in prossimità dei binari. Resta per il momento ancora chiusa la linea convenzionale. Lo fa sapere Rfi che, insieme alle imprese di trasporto coinvolte, è attiva sul fronte dell'informazione e dell'assistenza ai viaggiatori e nella riprogrammazione dell'offerta ferroviaria.

I roghi lambiscono le abitazioni nella zona di Massarosa in provincia di Lucca. Bolzano circondata dagli incendi. Bruciano, da giorni, i boschi intorno e la situazione del capoluogo altoatesino sta diventando critiica. Oggi altri due incendi boschivi nella zona della passeggiata e del Castel Guncina stanno mettendo a dura prova i Vigili del Fuoco.

 

Gli stessi Vigili riferscono che «tutte le forze sono impiegate nello spegnimento lavorando per avere sotto controllo gli incendi». Incendi che, come sottolineano i Vigili sono dovuti, quasi escluivamente alla negligenza dell'uomo che con i suoi mozziconi di sigaretta buttati a casaccio causa danni devastanti all'agricoltura


Famiglia svanita nel nulla. Mamma e 4 figli dispersi da ieri: l'appello disperato

Evacuate alcune famiglie

Proseguono i lavori di spegnimento dell'incendio boschivo scoppiato in mattinata sui pendii del Guncina a Bolzano. In via precauzionale alcune famiglie hanno lasciato le loro abitazioni. Ai lavori di spegnimento delle fiamme, che interessano una zona boschiva nell'immediate vicinanze del rione Gries, partecipa un elicottero austriaco. La settimana scorsa un altro rogo aveva distrutto due ettari di bosco sulle passeggiate di Sant'Osvaldo. 

Giuseppe Conte ricoverato al Gemelli di Roma per un'intossicazione alimentare. «Sta bene»

Fiamme sul Carso: chiusa A4 e ferrovia

Un incendio enorme sul Carso sta paralizzando il traffico autostradale e ferroviario dal Friuli. Due i roghi ai quali ininterrottamente stanno lavorando i vigili del fuoco italiani e sloveni: il primo in zona Lisert Monfalcone, in provincia di Gorizia, è divampato verso le 11 di questa mattina dalla pineta, l'altro in località Devetaki, al confine con la Slovenia, dove l'area sopra al centro abitato ha bruciato venerdì ed ha ripreso a bruciare oggi, dopo la bonifica. Sul posto vigili del fuoco da tutta la regione, almeno una trentina da Gorizia, Pordenone, Udine e Trieste oltre agli uomini della forestale, della protezione civile, a un elicottero di Venezia e ai colleghi sloveni impegnati al confine. La situazione è gravissima, una decine le persone evacuate a Sablici, a Doberdò del Lago, mentre le linee dell'alta tensione che passano sul Carso sono state scollegate per agevolare i lanci dei Canadair.

INCENDIO CARSO: BLOCCO RETE TRASMISSIONE, BLACKOUT TRIESTE

L'incendio divampato sul Carso ha coinvolto anche la rete di trasmissione nazionale, che ha subito un blocco. Poco dopo le 17 un blackout generale si è verificato a Trieste, Muggia e comuni limitrofi e si è protratto per alcuni minuti. In poco tempo, rende noto AcegasApsAmga, sono però state contro-alimentate le utenze e la corrente elettrica sta ripartendo gradualmente in tutta l'area.

Incendio blocca la linea alta velocità Roma-Firenze

Traffico ferroviario interrotto sulla linea direttissima Roma-Firenze e su quella lenta in seguito a un vasto incendio di sterpaglie e bosco ad Allerona scalo, nell'orvietano. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, una squadra Aib regionale da Spoleto ed un'altra da Terni. È stato attivato anche l'intervento con mezzi aerei. A causa delle fiamme e del denso fumo che sta interessando la ferrovia il traffico dei treni sulla direttissima è stato sospeso. Sul posto si sta portando anche la squadra AIB regionale da Spoleto ed un'altra da Terni.

VERSILIA: GIÀ 360 ETTARI IN FUMO, GIANI VA A MASSAROSA

Sono al momento oltre 360 gli ettari di superficie boscata bruciata a causa dell'incendio che da ieri sera interessa le colline di Massarosa (Lucca). Il presidente della Regione Eugenio Giani, che sta monitorando la situazione, si dice «molto preoccupato» e si sta recando a Massarosa. Lo stato della vegetazione stressata dalla siccità e il vento che sta soffiando sull'area, spiega la Regione in una nota, rendono difficili le operazioni di spegnimento che non riescono a mettere il rogo sotto controllo. Proprio il vento forte sta provocando il fenomeno del cosiddetto 'spotting' per il quale si verificano salti di fiamme che vanno a innescare nuovi incendi anche a molti metri di distanza dal fronte di fuoco. «Sono in costante contatto con la sala operativa che da ore è al lavoro senza sosta - sottolinea Giani -. Proseguono gli sganci aerei e l'incessante opera delle squadre antincendio Aib di tutta Toscana. Cinque elicotteri regionali e quattro Canadair stanno operando in zona, a terra 12 squadre di volontariato antincendio, Vigili del fuoco e operai forestali per mettere in sicurezza le zone più pericolose. Attualmente sono state evacuate circa 40 persone dalle proprie abitazioni».

La vicepresidente della Regione e assessore all'agricoltura, con delega ai servizi antincendio, Stefania Saccardi, sta seguendo dalla Sala operativa regionale della Protezione civile, l'evolversi della situazione. «Massima è l'attenzione della Regione - osserva Saccardi - e massimo l'impegno per l'evento che ci ha portato a schierare tutte le forze in campo, e le ringrazio per l'enorme sforzo. Siamo vicini alle famiglie evacuate. Ricordando l'ovvio divieto di abbruciamenti, colgo l'occasione per rivolgere l'invito a tutta la cittadinanza a porre estrema attenzione nelle operazioni agricole in un momento di particolare siccità». Sul posto sono impegnate anche 34 squadre di cui 10 dei vigili del fuoco e 24 dell'organizzazione antincendi boschivi regionale. Per le prossime ore sono stati già previsti turni e ricambi con l'attivazione di ulteriori 31 squadre.


Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Luglio 2022, 20:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA