Genitori in vacanza, lui smura e apre la cassaforte: poi spende tutto in prostitute e videogiochi

Genitori in vacanza, lui smura e apre la cassaforte: poi spende tutto in prostitute e videogiochi

Tornati dalle vacanze, hanno trovato una bruttissima sorpresa: la cassaforte vuota e smurata, aperta con un flessibile, un danno enorme. All'interno c'erano infatti 1.600 euro in contanti e alcune monete d'argento: ma ad aprire la cassaforte non erano stati i ladri, bensì il figlio, un ragazzo di 34 anni.

Estrazioni di Lotto e 10eLotto di oggi, venerdì 16 agosto 2019

L'incredibile storia è avvenuta a Poviglio, in provincia di Reggio Emilia: i due coniugi avevano inizialmente richiesto l'intervento dei carabinieri e avevano formalizzato una denuncia di furto, ma le indagini dei militari hanno rivelato l'amara verità. Il figlio, armato di flessibile, aveva infatti forzato la cassaforte per poi spendere tutto in videogiochi ed escort, secondo quanto ha raccontato lui stesso ai carabinieri quando lo hanno interrogato, confessando.

Il 34enne è stato denunciato alla Procura con l'accusa di furto aggravato: alla ricostruzione corretta, i carabinieri sono arrivati da un semplice particolare. La cassaforte era infatti stata smurata, ma nella casa non c'erano segni di forzatura agli accessi, porte e finestre, dettaglio che suggeriva come il ladro non potesse essere altri che qualcuno che in quella casa ci abitava. La refurtiva, interamente spesa dal giovane appunto in slot machine e squillo, non è stata ovviamente recuperata.

Venerdì 16 Agosto 2019, 19:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA