Caro bollette, stangata da tremila euro: «Prezzo del gas, inverno da incubo»

L'allarme di Assoutenti. E anche i sindaci vedono nero

Caro bollette, stangata da tremila euro: «Prezzo del gas, inverno da incubo»

di Mario Landi

La bestia nera dell'inverno per le famiglie sarà la caldaia a gas. Dopo i rincari incredibili del +59% delle tariffe elettriche scattati lo scorso 1° ottobre, sugli italiani sta per abbattersi una stangata senza precedenti anche per quanto riguarda il gas, con gli analisti che prevedono per gli ultimi mesi del 2022 un aumento delle tariffe nell'ordine del +70%. E proprio basandosi su queste previsioni Assoutenti calcola l'impatto dei nuovi aumenti sulle tasche delle famiglie.

Bollette luce e gas, meglio il mercato libero o quello tutelato? La scelta per spendere meno

«Se dovessero trovare conferma le previsioni degli analisti con un aumento delle tariffe del gas del +70% a partire da ottobre, per gli italiani si tratterebbe di una maxi-stangata da 2.942 euro su base annua a famiglia solo per la spesa legata alle forniture di gas - spiega il presidente dell'associazione Furio Truzzi -. Questo perché un rincaro così pesante porterebbe le tariffe a salire nell'ultimo trimestre del 2022 del +117% rispetto allo stesso trimestre del 2021, quando cioè è iniziata la serie ininterrotta di aumenti dell'energia».

«I rincari del gas andrebbero così a sommarsi a quelli della luce, le cui tariffe sono salite nell'ultimo trimestre del 122% su base annua, rendendo sempre più insostenibile la spesa per l'energia - prosegue Truzzi -. Per questo chiediamo al nuovo governo di adottare da subito tre misure che appaiono più che mai urgenti per salvare i bilanci di milioni di famiglie: la prima è disporre il divorzio tra prezzi del gas e prezzi della luce, seguendo la strada del disallineamento; la seconda è bloccare i distacchi delle forniture energetiche per tutto il 2023; la terza è allineare la fine del mercato tutelato del gas, programmata per gennaio 2023 a quella della luce, prevista per gennaio 2024».

 

Assoutenti ricorda infine che proprio in tema di crisi energetica il prossimo 18 ottobre si terrà l'assemblea nazionale di tutte le associazioni dei consumatori italiane aperta a sindacati, imprese, esercenti e organizzazioni del terzo settore, tesa a studiare un pacchetto di misure unitario contro il caro-bollette da presentare al nuovo governo.

Il caro bollette non preoccupa solo le famiglie, anche i sindaci vedono nero per il caro bollette e chiedono al governo di stanziare un altro miliardo di euro da qui a fine anno per consentire di poter andare avanti. Il sindaco di Novara, nonchè delegato Anci al fisco locale, Alessandro Canelli avanza richieste precise: «Bisogna cominciare a ragionare su 1 miliardo in più per i Comuni da qui a fine anno: si rischia di dover fermare i tram, tenere parti delle città al buio, spegnere completamente le luci sui monumenti e tagliare i riscaldamenti». Oggi a Roma i sindaci metteranno a punto una serie di richieste al governo.


Ultimo aggiornamento: Sabato 8 Ottobre 2022, 18:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA