Calcio, per il Giudice sportivo Juventus-Napoli finisce 3-0: "La Asl non ha impedito la gara dello Stadium". Ma inizia la guerra dei ricorsi
di Timothy Ormezzano

Calcio, per il Giudice sportivo Juventus-Napoli finisce 3-0: "La Asl non ha impedito la gara dello Stadium". Ma inizia la guerra dei ricorsi

Che stangata. Tre a zero a tavolino per la Juventus e un punto di penalizzazione al Napoli, per violazione del protocollo anti Covid-19. 


È questa la sentenza del Giudice sportivo in merito alla “partita fantasma” che si sarebbe dovuta giocare il 4 ottobre allo Stadium. Secondo il giudice Mastrandrea, non ci sarebbero state cause di forza maggiore a impedire ai partenopei di raggiungere Torino: la nota della Asl Napoli 1 dichiarava in maniera “chiara e inequivocabile” che la responsabilità era “in capo alla Società Napoli”. E si legge ancora: il quadro “non appare affatto incompatibile” con l’applicazione del protocollo sanitario Figc e quindi con la possibilità di disputare la partita di Torino. 

 

LEGGI ANCHE > L'avvocato Chiacchio, esperto di Diritto sportivo: "Ricorso possibile, da valutare l'impatto della forza maggiore. La sfida si può ancora giocare"


Il Napoli, a detta del Giudice sportivo, ha quindi “rinunciato” a disputare la partita molto prima che arrivasse il definitivo chiarimento della ASL Napoli 2, alle 14.43 di domenica 4 ottobre, quando era troppo tardi per organizzare la trasferta. Il club azzurro del presidente Aureio De Laurentiis, amareggiato ma non sorpreso, è convinto di ribaltare la sentenza di primo grado ricorrendo in Appello, eventualmente anche al Coni e in ultima istanza portando la querelle sul tavolo del Tar del Lazio. L’avvocato Grassani cioé proverà a dimostrare che il club azzurro ha agito in modo responsabile, chiedendo poi ulteriori chiarimenti per puro scrupolo. L’unica certezza, per ora, è che la partita, quella legale, è ancora lunga.


Ieri intanto Cristiano Ronaldo è atterrato a Torino con un volo sanitario. Il fuoriclasse positivo al Covid-19 ha lasciato il Portogallo per l’Italia, dove la quarantena è di 10 giorni anziché 14. CR7 corre contro il tempo sperando di non perdersi la supersfida di Champions del 28 ottobre contro il Barcellona di Messi. Sabato a Crotone mancherà anche lo statunitense McKennie, pure lui risultato positivo al Covid. Il gruppo squadra è tornato in isolamento fiduciario, proprio come l’Under 23 bianconera che ha tre elementi positivi: l’allenatore Zauli, il difensore Rosa e un membro dello staff. 
riproduzione riservata ®


Ultimo aggiornamento: Giovedì 15 Ottobre 2020, 08:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA