Alessio Mantineo condannato a 12 anni, diede fuoco alla fidanzata Ylenia che non volle accusarlo

Alessio Mantineo condannato a 12 anni, diede fuoco alla fidanzata Ylenia che non volle accusarlo

Il gup di Messina ha condannato a 12 anni di reclusione per tentativo di omicidio Alessio Mantineo, il giovane che un anno fa diede fuoco, ustionandola gravemente, alla fidanzata Ylenia Bonavera.

LEGGI ANCHE ---> Ylenia in aula difende l'ex: "Non fu lui a gettarmi benzina addosso". Ma un video lo inchiodava​



LEGGI ANCHE ---> Il messaggio di Ylenia: "La benzina era per il motore"

La vittima ha negato davanti al gup che ad aggredirla, gettandole addosso della benzina dopo una lite e poi appiccando il fuoco, fosse stato Mantineo.



Ma ad accusare l'uomo, oltre alle immagini che lo riprendono mentre acquista il carburante, c'è la madre della giovane. Diversi conoscenti inoltre hanno raccontato ai magistrati - l'inchiesta è stata coordinata dal procuratore Maurizio De Lucia - che Ylenia dopo l'aggressione aveva fatto loro il nome del fidanzato. La ragazza ora vive in una casa famiglia. 
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 10 Gennaio 2018, 14:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA