Agenti uccisi in questura, allarme sicurezza: «Da tempo chiediamo dotazioni idonee, non si può morire così»

di Simone Pierini
«Nella vicenda dei due agenti uccisi ci sono stati problemi con le fondine. Al primo è stata sfilata la pistola perché aveva una fondina vecchia, in quanto quella in dotazione gli si era rotta. Al secondo agente ucciso, la fondina sarebbe stata strappata dalla cintura». Lo riferisce il Sindacato Autonomo di Polizia (Sap), in merito all'omicidio di due poliziotti ieri nella Questura di Trieste. «Al secondo agente - prosegue il Sap - l'arma sarebbe stata strappata quando ormai era già in terra inerte a causa delle ferite per i colpi esplosi con la prima pistola sottratta.

«È da tempo che chiediamo a gran voce dotazioni idonee. Abbiamo bisogno di maggiori tutele»
, così Stefano Paoloni, segretario generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap), commentando la morte dei due agenti di polizia, Pierluigi Rotta e Matteo Demenego, uccisi in questura a Trieste«Siamo continuamente vittime di balordi - ha aggiunto Paoloni -. Questa è l'ennesima aggressione che contiamo dal 1° giugno, ma con un tragico epilogo che ci lascia sgomenti. Abbiamo bisogno di maggiori tutele mentre siamo in strada a rendere il nostro servizio alla comunità e servono pene severe per chi attenta alla nostra vita»

Leggi anche > Così sono morti i poliziotti: due colpi per Rotta, tre proiettili per Demenego

Leggi anche > «Due ragazzi speciali»: chi sono Pierluigi e Matteo, gli agenti di polizia morti nella sparatoria nella questura di Trieste

 
 

«La consapevolezza di restare impuniti - prosegue Paoloni - alimenta condotte come questa che oggi ci porta a piangere due giovani colleghi, appena trentenni, un agente e un agente scelto, 'colpevoli' di indossare una divisa. È da tempo che chiediamo a gran voce dotazioni idonee come il taser e come riconoscimento a quelli che sono i pericoli che ogni giorno fronteggiamo su strada. Non è accettabile morire così e per mano di chi non ha rispetto per la vita e della legge».



«Da troppi anni non abbiamo avuto risposte, forse bisognerà investire di più sulla sicurezza». Ha detto anche Lorenzo Tamaro, segretario provinciale del Sap. «Voglio esprimere la commozione di tutti quanti - ha aggiunto - ci sono dei precedenti, ma non così gravi» facendo riferimento ad un episodio di alcuni anni fa. Sulla possibile dinamica ha aggiunto: «Non vogliamo dire cose sbagliate prima che venga accertata». Sulle due vittime, gli agenti Pierluigi Rotta e Matteo Demenego, il segretario del Sap ha parlato di «due colleghi giovani che dovevano rappresentare il futuro della polizia. Non ci sono parole su quello che è accaduto, bisogna limitare al massimo queste tragedie».

 
Sabato 5 Ottobre 2019, 10:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA