Uragano Ian, i fenicotteri rosa si nascondono in bagno: la foto è virale (e bellissima)

Il personale dei giardini botanici ha messo in salvo i fenicotteri nei bagni pubblici. La stessa foto fu scattata 30 anni fa

Uragano Ian, i fenicotteri rosa si nascondono in bagno: la foto è virale (e bellissima)

Strade allagate, milioni di persone senza elettricità e tetti strappate dalle case dalla furia dell'uragano Ian, che ha colpito la Florida, mentre una dozzina di fenicotteri rosa, ha trovato riparo in un bagno pubblico. Immagini contrastanti, la devastazione e la bellezza di questa animali, che hanno fatto il giro del mondo e che rende merito agli operatori del giardino botanico San Pietroburgo che li hanno messi in salvo. Infatti secondo le previsioni meteo, Ian sarebbe dovuto diventare una tempesta ed avrebbe potuto devastare l'area di Tampa Bay dove sono ospitati molte varietà di uccelli e altri animali.

Uno squalo nuota nel cortile allagato dopo l'uragano, e gli esperti confermano: «Non è fake»

La foto dei fenicotteri

La tempesta invece ha virato verso sud, diventando un uragano di categoria 4, con venti di oltre 200 km orari, provocando mareggiate e causando danni pesanti a diverse infrastrutture della Florida. Ma quella fotografia, a molti, ha ricordato un'altra immagine iconica del 1992 quando l'uragano Andrew, di categoria 5, colpì il sud della Florida ed uno zoologo scattò la foto allo Zoo Miami, dove i fenicotteri rosa erano rannicchiati in bagno tra bancarelle e lavandini, e che all'epoca finì sulle prime pagine di molti giornali. 

Il passato che ritorna

«Purtroppo, a quel tempo non avevano un edificio specifico che è stato creato per proteggerli, quindi dovevamo essere innovativi» ha detto al Washington Post, Ron Magill, il fotografo di Metrozoo e ora direttore delle comunicazioni allo Zoo Miami, ricordando quel piano dell'ultimo minuto risalente a 30 anni fa. « Alcuni membri del personale misero del fieno sul pavimento, e diedero cibo e acqua agli uccelli, che furono spostati un giorno prima che Andrew arrivasse».

 

E proprio la sera prima dell'uragano, McGill stava per chiudere a chiave il bagno, quando vide quell'immagine surreale di fenicotteri vicini l'uno all'altro, che si guardavano allo specchio, ed allora prese la sua macchina fotografica ed immortalò lo scatto. Andrew portò devastazione ovunque, morirono cinque mammiferi ed un centinaio di uccelli, ma i fenicotteri sono sopravvissuti. 


Ultimo aggiornamento: Sabato 1 Ottobre 2022, 11:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA