Kobe Bryant, otto poliziotti nei guai: hanno condiviso le foto choc scattate sul luogo dello schianto

Otto poliziotti nei guai per aver condiviso foto macabre sulla scena del tragico incidente in cui sono morti Kobe Bryant, la figlia Gianna Maria e altre sette persone: per questo gli otto agenti, della contea di Los Angeles, sono ora indagati e rischiano un’inchiesta disciplinare.

Leggi anche > Addio Kobe Bryant. Perché la sua morte ha segnato un'intera generazione

La vicenda è stata raccontata dal quotidiano californiano Los Angeles Times: lo sceriffo della contea Alex Villanueva si è detto affranto per la violazione della privacy e per la mancanza di rispetto nei confronti delle famiglie delle vittime. Ha inoltre aggiunto che i poliziotti, su sua richiesta, hanno cancellato quelle immagini dai loro smartphone.
 
 

Ma le scuse dello sceriffo non bastano: gli avvocati delle famiglie delle persone morte nell’incidente hanno chiesto punizioni esemplari, e data l’esposizione mediatica di questa storia, potrebbero ricevere misure disciplinari parecchio pesanti.
Ultimo aggiornamento: Martedì 3 Marzo 2020, 15:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA