Il salmone fresco nella bufera degli ambientalisti: «Stop ai trasporti aerei»

Nasce tutto dall'acquisto di un Boeing 757 da parte di un'azienda di allevamento di salmoni delle Isole Faroe per far arrivare il pesce fresco in meno di 24 ore sulle tavole dei cittadini di Manhattan

Il salmone fresco nella bufera degli ambientalisti: «Stop ai trasporti aerei»

Un'azienda di allevamento di salmoni ha acquistato un Boeing 757 per portare il suo pesce fresco nei piatti dei cittadini di Manhattan in meno di 24 ore. L'azienda delle Isole Faroe, Bakkafrost, che possiede anche la Scottish Salmon Company, sostiene di poter ridurre la propria impronta di carbonio volando con il proprio jet attraverso l'Atlantico e ridurre al minimo gli sprechi portando il pesce ai suoi clienti statunitensi più velocemente. Ma le polemiche degli attivisti hanno alzato un polverone sulla decisione presa dall'azienda. 

 

Leggi anche > Rivoluzione nel mondo dell'automobile, l'Europarlamento: dal 2035 stop a diesel e benzina

 

Ma gli attivisti e gli ambientalisti affermano che i voli transatlantici acutizzeranno il problema dell'impatto ambientale da parte dell'industria ittica, sempre più dipendente dal trasporto aereo di merci per aprire nuovi mercati all'estero. 

 

I frutti di mare freschi come il salmone, il tonno e l'aragosta vengono spesso trasportati in aereo in tutto il mondo piuttosto che essere congelati o super-refrigerati per il trasporto via nave. Gli attivisti calcolano che i filetti di salmone che volano dalla Scandinavia agli Stati Uniti producono 17 volte più CO2 rispetto ai viaggi in barca.

 

Il Boeing 757 di Bakkafrost è stato convertito in un frigorifero volante in grado di trasportare 35 tonnellate di salmone fresco, refrigerato a zero gradi, dalle Isole Faroe, un arcipelago a metà strada tra Scozia e Islanda, diretto a un aeroporto del New Jersey. Bakkafrost prevede di riportare altre merci alle Isole Faroe o agli aeroporti scozzesi per ridurre i costi operativi e sta valutando voli extra per portare il salmone scozzese a New York.

 

Regin Jacobsen, amministratore delegato di Bakkafrost, ha affermato che i voli diretti in una stiva già refrigerata ridurrebbero del 45% le emissioni di CO2 dell'azienda dal trasporto aereo di merci. Attualmente vola il salmone negli Stati Uniti via Heathrow, il che aumenta il tempo di volo e necessita di grandi quantità di ghiaccio per mantenere il pesce fresco.

 

Jacobsen ha affermato che la strategia aiuterebbe a rispettare l'impegno della sua azienda di ridurre le emissioni di carbonio del 50% entro il 2030 e di portarle a zero entro il 2050, in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Il trasporto aereo, ha aggiunto, è solo una piccola parte delle esportazioni complessive dell'azienda. 

 

Ma gli ambientalisti attaccano. La strategia di Bakkafrost è in controtendenza nel settore dell'allevamento del salmone. Il suo rivale faroese Hiddenfjord, ad esempio, ha interrotto tutto il trasporto aereo di merci nell'ottobre 2020 e utilizza invece le navi per raggiungere i clienti statunitensi; i viaggi di nove giorni hanno ridotto la sua impronta di carbonio del 94%, a un decimo del prezzo del volo.

 

Blake Lee-Harwood della Sustainable Fisheries Partnership, che fornisce consulenza ai supermercati sulle politiche della pesca rispettose del clima e dell'ambiente, ha affermato che l'azienda dovrebbe perseguire le tecnologie a basse emissioni di carbonio invece di ridurre semplicemente il tempo di volo. In tutto il mondo, il trasporto aereo di merci è sempre più utilizzato per vendere e distribuire frutti di mare di prima qualità. Le aragoste canadesi vive vengono trasportate in aereo a Shanghai in Cina, il salmone cileno a New York e il salmone norvegese in Giappone. Studi di settore calcolano che il 18% del salmone fresco norvegese viene trasportato per via aerea ai clienti, rappresentando il 50% delle emissioni totali di carbonio dell'allevamento norvegese di salmone.

 

«Il cambiamento climatico è una minaccia esistenziale per l'industria ittica e per i mezzi di sussistenza globali. Riteniamo che l'industria ittica debba essere parte della soluzione dimostrando le migliori pratiche assolute. Ciò significa inevitabilmente un allontanamento dal trasporto aereo, certamente per il salmone d'allevamento», ha dichiarato Lee-Harwood.

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 21 Giugno 2022, 20:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA