Covid, ragazza 17enne ricoverata in ospedale sollecita tutti su Twitter a vaccinarsi «Fate attenzione!»

Covid, ragazza 17enne ricoverata in ospedale sollecita tutti su Twitter a vaccinarsi «Fate attenzione!»

Maisy Evans, ex membro del Parlamento gallese della gioventù, sta esortando gli altri adolescenti a farsi vaccinare. La diciassettenne, che sarebbe dovuta tornare in classe all'istituto di Torfaen (Galles), lunedì prossimo, ha difficoltà a respirare a causa di un coagulo polmonare dovuto ad una complicazione da Covid, ma, come lei stessa dichiara, non causato dalla dose di vaccino Pfizer che ha ricevuto.

 

Il 27 agosto, Maisy scrive su Twitter un post in cui cerca di mettere in guardia tutti: «Questo virus non è uno scherzo per i giovani. Gli aventi diritto devono essere vaccinati».

 

 

Leggi anche - Afghanistan, l'ultimo soldato Usa lascia Kabul: «La guerra è finita». I talebani esultano: «Siamo indipendenti»

 

Da quel post, la ragazza ha ricevuto centinaia di commenti, in alcuni dei quali si legge che la sua malattia sia stata innescata dal vaccino

«Leggere i commenti di coloro che sono contrari ai vaccini mi frustra profondamente - dichiara Maisy -.Ho condiviso la mia storia per incoraggiare i miei coetanei a proteggersi». 

La ragazza ha affermato che le scansioni TC hanno confermato che la sua malattia è stata scatenata dalla sua infezione da Covid: mal di testa, mancanza di respiro, dolori muscolari, vertigini e perdita del gusto e dell'olfatto. Le erano stati somministrati antibiotici, steroidi, morfina e anticoagulanti e si aspettava di rimanere in ospedale per qualche giorno in più.

«Il Covid è stata una "terribile esperienza", ha detto, ma ha aggiunto che si stava riprendendo lentamente all'ospedale di Grange a Cwmbran. Non ho alcuna condizione di salute di base, quindi i sintomi gravi sono inspiegabili. Ho semplicemente avuto una brutta esperienza di Covid-19».

La BBC Wales ha parlato con Maisy attraverso dei messaggi scritti, perchè la ragazza è impossibilitata a parlare per mancanza di fiato. Infatti, il suo medico ha avvertito che potrebbe volerci un po' di tempo prima che l'affanno scompaia.

 

Maisy ha dichiarato di aver ricevuto la prima dose di vaccino Pfizer l'11 agosto e, all'inizio, ha pensato che il suo lieve mal di testa e il braccio dolorante fossero normali conseguenze. Ma il 13 agosto si sentiva male ed è risultata positiva entro 12 ore dal test. 

 

Il 25 agosto, è stata ricoverata in ospedale il 25 agosto e i medici pensavano che avesse anche la meningite o la sepsi. Ma dopo gli esami del sangue, radiografie e scansioni, è stato confermato che aveva un coagulo correlato al Covid sul polmone destro.

 

«Sono stata in ospedale da allora - ha detto Maisy -. Non so quando sarò dimessa. Immagino che dipenda dai miei progressi». 

 

Leggendo i commenti che aveva ricevuto sotto il post su Twitter, Maisy ha risponde: «Le persone senza qualifiche mediche stanno cercando di dirmi che il vaccino ha causato il coagulo di sangue. È sconvolgente vedere che le persone non sono disposte ad accettare che il Covid stesso possa causare queste complicazioni. Il mio messaggio è semplice: fate attenzione». E continua: «Non sottovalutare l'impatto che il virus potrebbe avere su di voi. Lo staff del Grange è andato ben al di là di ogni attenzione e per questo, gli sarò per sempre grata. Mi mancheranno quasi le infermiere del reparto. Le ringrazio per avermi salvato la vita».


Ultimo aggiornamento: Martedì 31 Agosto 2021, 18:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA