Covid, gli Stati Uniti riaprono le frontiere ai viaggiatori vaccinati e con tampone negativo. I turisti con AstraZeneca tremano

Covid, gli Stati Uniti riaprono le frontiere ai viaggiatori vaccinati e con tampone negativo. I turisti con AstraZeneca tremano

La Fda ha riconosciuto Pfizer, Moderna e Johnson & Johnson. Chi ha fatto AstraZeneca rischia di non poter partire per gli Usa

Gli Stati Uniti riaprono i confini. Arriva la notizia tanto attesa: a partire dai primi di novembre i viaggiatori internazionali che hanno concluso il ciclo vaccinale potranno tornare negli Sati Uniti d'America. 

 

Leggi anche > Pfizer-BioNTech: il vaccino ai bambini tra i 5 e gli 11 anni «è sicuro e funziona». Gli effetti collaterali

 

Ad affermarlo è stata la Casa Bianca, andando a confermare le indiscrezioni che circolavano da qualche giorno. Tutti i viaggiatori stranieri dovranno provare di avere la vaccinazione, oltre ad aver effettuato un tampone covid negativo entro tre giorni prima del volo. 

 

Si conclude, dunque, il blocco delle frontiere USA imposto 18 mesi fa dall'amministrazione Trump come misura preventiva all'aumento dei contagi negli Stati Uniti. Biden rafforzerà le regole sui tamponi per i cittadini statunitensi non vaccinati, che dovranno essere testati entro un giorno prima della partenza per Stati Uniti e anche al loro rientro in patria.

 

«Ai passeggeri completamente vaccinati non sarà richiesto di rispettare una quarantena», ha affermato il coordinatore per la pandemia della Casa Bianca Jeff Zients Zeints. «Verrà richiesto anche alle compagnie aeree di raccogliere informazioni di contatto dai viaggiatori internazionali per facilitare la tracciabilità».

 

 

Resta, però, da sciogliere il nodo AstraZeneca. La Fda, infati finora ha riconosciuto solo i vaccini Pfizer, Moderna e Johnson & Johnson, ma non AstraZeneca, siero vaccinale largamente utilizzato nella vaccinazione di massa in Europa. Zients ha dichiarato che sarà compito del Centers for Disease control e prevention stabilire quali vaccini verranno accettati. Sarà dunque da capire se l'autorità federale confermerà il ban dei viaggiatori che hanno ricevuto il vaccino AstraZeneca, oltre al vaccino cinese Sinovac e al russo Sputnik.

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Settembre 2021, 20:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA