Bollette, gli errori dei fornitori che possono far risparmiare: tutti i controlli da fare, dal contratto all'autolettura

E' buona abitudine controllare il profilo, le fasce orarie e le condizioni contrattuali sulla propria bolletta per evitare sorprese costose

Bollette, gli errori dei fornitori che possono far risparmiare: tutti i controlli da fare, dal contratto all'autolettura

di Redazione web

Controllare le bollette di gas ed energia, di questi tempi non è un noioso passatempo, ma un'abitudine che può farci risparmiare. E tanto. Non sono rari, infatti, gli errori da parte dei fornitori che fanno arrivare alle stelle le bollette di utenze domestiche, negozi ed aziende. Il primo passo per risparmiare, scrive un articolo de Il Messaggero, è controllare ogni mese o bimestre, la propria bolletta con molta attenzione. 

Bonus 600 euro per pagare le bollette di acqua, luce e gas: ecco chi ne ha diritto e come funziona

 

Errori da controllare

Tra gli errori che può commettere il fornitore, infatti, ci può essere l'applicazione di un profilo che non è il nostro, quindi condizioni contrattuali non rispettate e ancora la lettura del contatore non effettiva. E se la bolletta arriva in ritardo? Necessario contattare il fornitore, per evitare che si sommino costi aggiuntivi ingiustificati. 

Maxi bolletta da 13.900 euro, il ristorante costretto a chiudere: «Ci avete lasciato in mutande»

 

Controllo della lettura

L'autolettura è importante per comunicare il reale consumo e pagare un importo reale, soprattutto perché l'importo in bolletta potrebbe non essere quello effettivo; in quel caso si può contattare il servizio clienti, comunicare l'autolettura e richiedere una nuova fattura. Leggere con attenzione il proprio contratto per conoscere il costo del servizio e dei consumi, perché potrebbe non essere applicato correttamente ed in quel caso il fornitore deve restituire la somma erroneamente percepita.

Le condizioni contrattuali

E' buona norma verificare come prima cosa, se ci siano tariffe e fasce orarie. E se la società fornitrice per errore invia una bolletta da saldare con 5 anni di ritardo, ecco in quel caso non pagare, perché anche le bollette hanno una prescrizione e sarà sufficiente scrivere un reclamo con una raccomandata a/r.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 26 Settembre 2022, 14:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA