In Finlandia alla ricerca di erbe aromatiche e curative nei boschi
di Francesca Spanò

In Finlandia alla ricerca di erbe aromatiche e curative nei boschi

La luce estiva, in Finlandia, è tanto accesa da far brillare ogni elemento della natura. E così l’acqua dei laghi sembra conservare nella spuma che giunge a riva, milioni di piccole pietre preziose e il verde della vegetazione si tinge di sfumature che passano dalle tonalità chiare a quelle molto scure. Questo è il tempo perfetto per rilassarsi con attività all’aria aperta, magari alla ricerca di erbe aromatiche nei boschi per produrne cuscini profumati, creme cosmetiche o infusi rinvigorenti. La notte, invece, ci si può concedere un sonnellino con vista, possibilmente in cima a un antico faro. Tutte esperienze magiche che regalano qualche giorno di totale detox, lontano dall’ufficio e dalla presenza costante e ossessiva sui social.
 
 

Tra luoghi incantati e remoti
 

La Finlandia ha un cuore verde e quando le temperature sono miti e il sole alto nel cielo anche di notte, non c’è nulla di più rilassante di un giro alla ricerca di arbusti e piante dal potere curativo, magari facendosi seguire da un tour operator o da guide locali (come Wild Nordic Nature). Un’avventura molto particolare di questo tipo, si può vivere ad esempio nel piccolo comune di Noormarkku, nella provincia di Pori e la direzione giusta è quella verso il lago di Enstraski. Da queste parti per prima cosa ci si può dedicare alla pesca sulle acque blu cobalto del corso d’acqua alla ricerca di trote o trote arcobaleno. Subito dopo si parte tra sentieri intricati, per fare scorta di funghi o erbe e bacche per un sano pediluvio. Ogni pianta ha una precisa azione sull’organismo ed è importante avere accanto un esperto che sappia riconoscerle.
 
Un pediluvio nella foresta
 
Quando ci si dedica alle attività all’aria aperta, il primo bisogno è quello di rilassare le gambe. In questo caso, per coccolare i piedi, prima di riscaldare dell’acqua si dovranno cercare le foglie di sorbo, quelle di betulla e di abete. Per un ottimo succo rinvigorente, invece, è bene rifornirsi di mirtillo rosso, che è anche un potente antibatterico ed è ricco di flavonoidi. Quello nero, poi, regala energia, mentre le bacche di empetro nero, tipiche da queste parti, vengono usate come agenti naturali. Il canemoro, infine, ha una potente azione contro i batteri patogeni. Per completare la scorta, si possono portare a casa dei funghi porcini, ma pure l’ortica e i fiori come quelli di trifoglio e le foglie di achillea millefoglie. 

Dormire in un faro

Per continuare l’idilliaca esperienza finlandese, si può associare il soggiorno green a qualche notte in un faro, magari quello di Kylmapihlaja. Si tratta di uno dei pochi nel Paese a non avere un B&B annesso, permettendo al visitatore di pernottare in una torre ancora in funzione. Sull’omonima isola si giunge in taxi, partendo dal camping Poroholma di Rauma, dal quale parte il servizio di navi da e per la destinazione. Meglio vestirsi a cipolla per evitare di soffrire per gli sbalzi termici in questo periodo, in una zona che fa parte del Parco Nazionale del Mare di Botnia. All’interno si trovano 13 camere, un ristorante da 30 posti, una caffetteria da spiaggia, un negozio di souvenir, 2 saune, una vasca idromassaggio all'aperto. Risale al 1953 e si trova a soli 45 chilometri dalla costa.


Come arrivare in Finlandia

In aereo può essere comodo iniziare il tour da Helsinki con partenze da Roma (e non solo) con Finnair (compagnia di bandiera locale). Al momento le tariffe sono: Helsinki – Eur 188 (tasse incluse,  – tariffa senza bagaglio), Kuopio –  Eur 248 (tasse incluse,  – tariffa senza bagaglio)
Rovaniemi – Eur 279 (tasse incluse,  – tariffa senza bagaglio).

 
Giovedì 29 Agosto 2019, 17:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA