Le sagre d’agosto vanno in scena tra pizzicotti, fettuccine ai porcini e olive ascolane

Le sagre d’agosto vanno in scena tra pizzicotti, fettuccine ai porcini e olive ascolane

Dal Lazio alle Marche, il fine settimana delle sagre propone un vero e proprio viaggio tra i sapori più autentici di tre splendidi territori dello Stivale.
E’ il caso di Marcetelli (Rieti), il paese più piccolo del Lazio, nei cui vicoli si aggirerà ungrande serpente: ma niente paura, perché non stiamo parlando del temuto rettile, bensì di un pacifico schieramento di appassionati dei sapori di una volta. Domenica 12 agosto tornerà l’appuntamento con il “Serpentone di Montagna”, il percorso enogastronomico nel centro storico del borgo a due passi dal Lago del Salto. Dalle 18.30 fino a tarda sera, si potranno scoprire gli angoli più caratteristici del paese in 7 fermate dedicate alla buona cucina, dove saranno serviti l’aperitivo e la bruschetta ai funghi porcini, i pizzicotti (un impasto di acqua e farina condito con un gustoso sugo), la zuppa di lenticchie, il pecorino locale, il prosciutto, la pecora “allu cotturu” preparata con pomodoro e peperoncino, le ciambelle e la cocomerata, il tutto accompagnato da un buon bicchiere di vino. Il programma è molto ricco anche dal punto di vista degli intrattenimenti, con spettacoli musicali dal vivo in Piazza San Rocco, organetti e canti popolari lungo le vie del paese, immerso nella Riserva Naturale Monte Navegna e Monte Cervia.
Ancora in provincia di Rieti ma questa volta a Casaprota, il 12 e il 13 agosto uova, farina, funghi porcini e olio extravergine di oliva saranno gli ingredienti con cui il piccolo borgo chiamerà a raccolta i visitatori provenienti da ogni angolo del Centro Italia. La Sagra delle fettuccine ai funghi porcini rappresenta l’evento di punta del “Ferragosto Casaprotano”, e saràdifficile resistere al binomio tra le fresche serate estive della Sabina e un piatto tipico della tradizione contadina che viene realizzato con materie prime rigorosamente del posto: i gustosi funghi porcini che crescono abbondanti sui monti del territorio e l’olio dal colore giallo dorato con leggeri toni di verde, l’ingrediente che esalterà il gusto della pasta fatta in casa. Lo stand gastronomico aprirà alle 19 e, dopo le fettuccine, i più golosi potranno assaggiare tante altre gustose tipicità locali, mentre ogni serata si concluderà all’insegna dell’allegria con gli spettacoli musicali dal vivo. Per chi volesse restare qualche ora in più da queste parti e dedicarsi alle escursioni, gli emblemi di un passato glorioso testimoniate da rovine romane e medievali saranno l’ambientazione degli itinerari da percorrere a piedi, in mountain bike o a cavallo.

Viaggiando verso est fino alla splendida città di Ascoli Piceno, gli amanti dell’oliva ripiena ascolana potranno scoprirla in tutte le sue innumerevoli varianti dal 9 al 19 agosto. Giunto alla sesta edizione, l’Ascoliva Festival - il Festival mondiale dell’oliva ascolana del Piceno Dop - riparte dalle oltre 40 mila degustazioni distribuite lo scorso anno per un totale di circa 80 mila presenze. Grande novità dell’edizione 2018 sarà l’Oliva Day, ovvero l’istituzione della giornata celebrativa dell’oliva a livello mondiale: d’ora in avanti si celebrerà ogni anno il 14 agosto e la giornata sarà caratterizzata da un grande evento-sorpresa. “Mordi il bello della vita” è il claim che per ben 11 giorni richiamerà migliaia di golosi provenienti dall’Italia e dall’estero, tra degustazioni di oliva ripiena ascolana e di tanti altri prodotti tipici locali in piazza Arringo, dove sarà allestito il Villaggio dell’Oliva; saranno presenti i migliori produttori locali e nel ricco programma spiccano eventi cultural-gastronomici, laboratori, musica e tante altre iniziative.
 


Mercoledì 8 Agosto 2018 - Ultimo aggiornamento: 14:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
DALLA HOME