Tokyo 2020, Elia Viviani è bronzo nel ciclismo su pista nell'Omnium

Tokyo 2020, Elia Viviani è bronzo nel ciclismo su pista nell'Omnium

Elia Viviani conquista la medaglia di bronzo a Tokyo 2020 nel ciclismo su pista nella disciplina dell'Omnium. Splendide le ultime due prove (su quattro) della corsa a punti con l'Azzurro che vince in scioltezza la terza prova e poi scappa nella quarta già a 65 giri dalla fine.

 

Leggi anche > Tokyo 2020, uno splendido Massimo Stano conquista l'oro nella 20 km di marcia

 

La quarta e ultima prova ha visto un Elia Viviani fin da subito all'attacco, a caccia dei punti utili per conquistare un podio olimpico che, all'inizio della prova, vedeva l'italiano al quinto posto della classifica generale. Troppo lontano l'oro: il britannico Matthew Walls ha preso troppo vantaggio nelle prime due prove, Elia pedala splendidamente con intelligenza, ma la beffa arriva sul finale con il neozelandese che gli scippa la medaglia d'argento che è stata al collo di Elia per tutta la gara. 

 

 

Chi è Elia Viviani:

Elia Viviani è il portabandiera dell'Italia alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Tokyo 2020 assieme a Jessica Rossi. L'avventura in bici inizia nel migliore dei modi: due medaglie d’oro alle Olimpiadi Giovanili Europei nel 2005, anno in cui viene inquadrato da Paolo Slongo che lo cresce tra strada e pista e prima di entrare tra i professionisti (2010) si ritaglia anche il tempo di vincere il Campionato italiano ed europeo nel 2006. Poi, l'avventura nel professionismo, con i colori della Liquidas, dove impara dai migliori: Nibali, Sagan, Basso, Pellizzotti. Se su strada cresce, in pista si conferma: nel 2011 conquista la medaglia d’argento ai mondiali di Apeldoorn nello Scratch, e poi la medaglia d’oro agli europei under 23 nell’Omnium e nella corsa a punti.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 6 Agosto 2021, 16:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA