Formula 1, le pagelle del Gp d'Italia a Monza: Ferrari disastrose
di Piergiorgio Bruni

Formula 1, le pagelle del Gp d'Italia a Monza: Ferrari disastrose

Le pagelle del Gran Premio d'Italia di Formula 1 a Monza.

GASLY – voto 9 La prima volta non si dimentica mai. Le lacrime sul gradino più alto del podio, con l’inno nazionale in sottofondo, parlano più di 1000 parole. Una meraviglia che restituisce alla Formula 1 un briciolo di brivido ed emozione. COMMOVENTE

SAINZ JR – voto 8 Con un giro in più, forse, avrebbe potuto attaccare realmente Gasly e provare a conquistare il suo paradiso. Avrà altre occasioni, senza dubbio. Ma deve sbrigarsi: la Ferrari del prossimo anno non dà troppe garanzie. COMBATTENTE

RAIKKONEN – voto 6 Il vecchio leone combatte come ai tempi belli. La vettura non lo aiuta, ma l’esperienza maturata in quasi 20 anni di F1 lo spinge a conquistare, comunque, una giornata sotto i riflettori. NAVIGATO

BOTTAS – voto 5.5 Schiaffeggiato in partenza sia da Norris, sia da Perez disputa un gran premio in linea col suo recente, opaco, periodo di forma. Alla fine, però, dimostra di essere quello per cui lo pagano: una seconda guida. COMPRIMARIO

MERCEDES – voto 5 Per la prima volta da inizio stagione, il team tedesco si dimostra fallibile. L’errore di spedire Hamilton ai box, con la pit lane chiusa, è talmente grossolano da costare al pilota inglese penalizzazione e, quindi, vittoria. UMANI

ALBON – voto 4.5 Non riesce a lasciarsi alle spalle il (lungo) periodo poco positivo. Parte male, va lungo e prende pure una penalizzazione di 5 secondi. Di questo passo, molto probabilmente, non finirà la stagione in Red Bull. ANDATO

LECLERC – voto 4 Probabilmente i troppi elogi non gli fanno bene. Con la penalizzazione di Hamilton e l’entrata della safety car avrebbe potuto regalare una boccata d’ossigeno agli avviliti tifosi Ferrari. E invece, si adegua alla mediocrità Rossa. PECCATORE

FERRARI – voto 2 Dopo le qualifiche più brutte di tutta la sua storia, la Rossa fa il bis pure in gara. Fortunatamente per Binotto e soci non c’era pubblico: i fischi avrebbero di gran lunga sovrastato il fiacco rombo di questa ridicola SF1000. INGUIDABILE

Ultimo aggiornamento: Domenica 6 Settembre 2020, 17:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA