Pagelle di Roma-Inter 2-2: Villar incanta (7), Pau Lopez finalmente fa miracoli (7)
di Francesco Balzani

Pagelle di Roma-Inter 2-2: Villar incanta (7), Pau Lopez finalmente fa miracoli (7)

Le pagelle di Roma-Inter. Per i giallorossi si mettono in evidenza Villar e Pau Lopez. 

 

Leggi anche le pagelle dell'Inter > Roma-Inter, le pagelle dei nerazzurri

 

PAU LOPEZ 7 - Coi piedi fa calare il gelo, ma con i guanti riscalda il pareggio. Due miracoli su Lukaku e Lautaro lo riportano in auge

 

MANCINI 7 - Due diagonali su Lautaro e soprattutto il gol alla Pruzzo che addolcisce la giornata romanista. Lo sguardo è quello giusto

 

SMALLING 6,5 - Duello da pesi massimi con Lukaku. Nel primo round vince ai punti, poi arrivano un paio di cadute ma Chris non va ko


IBANEZ 6 - Non abbassa mai la testa e fa valere la garra. Quando Lukaku mette il bicipite sul tavolo però pure lui trema un po’


KARSDORP 6 Finale da vichingo dopo un’ora e passa in sofferenza con Young


VILLAR 7 Master e dottorato in un colpo solo. Predica serenità pure nei momenti duri e pennella per Mancini il pallone del pareggio. Una letizia per gli occhi


VERETOUT 6 Scippa a Barella il pallone dell’1-0 e fa abbassare la cresta a Vidal per un tempo. Poi è lui a veder calato il bavero (79’ Cristante 6,5: dieci minuti quasi perfetti. porta spessore fisico e nuove geometrie andando pure vicino al gol)

SPINAZZOLA 5 Viene spazzato via dalla bufera Hakimi e mostra di non stare fisicamente al top. Forse poteva uscire con un bel po’ di anticipo (73’ Bruno Peres 6: più brio, ma gode pure dell’uscita senza senso di Hakimi)

 

PELLEGRINI 7 - Ok, il ruolo è giusto. Segna un gol di astuzia e regala freschezza tra i reparti anche quando tutto sembra andare a rotoli

 

MKHITARYAN 7 Faccia da Silicon Valley e intelligenza da ingegnere. Corre, assiste, combatte. Gli manca solo di varare Dpcm

 

DZEKO 6 Fa il regista avanzato più che il bomber. E questo non sempre è un bene. Si rivede nel finale dopo mezz’ora in apnea (89’ Mayoral ng)

 

FONSECA 6 Rivede i fantasmi di Bergamo anche perché tarda i cambi e la squadra si abbassa di nuovo. Stavolta però riesce a rimettere in piedi i suoi ragazzi che non sono più bambini. Resta il tabù contro le big


Ultimo aggiornamento: Domenica 10 Gennaio 2021, 18:27

© RIPRODUZIONE RISERVATA