Liverpool-Chelsea, si decide ai rigori: sbaglia Abraham, il trofeo ai Reds. L'eroe è il vice Alisson

Liverpool-Chelsea, si decide ai rigori: sbaglia Abraham, il trofeo ai Reds. L'eroe è il vice Alisson

Ci vogliono i calci di rigore al Liverpool per domare un Chelsea che gioca senza paura. Dagli 11 metri festeggia Jurgen Klopp, che dopo la Champions conquistata a Madrid il primo giugno contro il Tottenham, mette in bacheca anche la Supercoppa Europea, la quarta nella storia dei Reds dopo quelle del 1977, del 2001 e del 2005. Decisivo l’errore di Abraham, che si fa parare il tiro da Adrian, chiamato a sostituire Alisson, out per un infortunio al polpaccio. Lo spagnolo, arrivato ad Anfield Road dal West Ham, salva i Reds in diverse occasioni, soprattutto nei minuti finali dei supplementari. A Frank Lampard resta l’ottima gara del suo Chelsea, che nel primo tempo segna con Giroud e raddoppia con Pusilic, ma l’arbitro annulla per il fuorigioco dello statunitense (di origini croate). Nella ripresa Klopp inserisce Firmino. L’ingresso del brasiliano cambia il volto dei Reds ed è proprio lui a beffare Arrizabalaga in uscita e servire Mané per l’1-1. A 7’ dalla fine il Liverpool trema per il gol di Mount, ma ancora una volta l’arbitro annulla per fuorigioco. Ai supplementari raddoppia ancora Mané su assist di Firmino, ma il Chelsea torna in corsa con il rigore di Jorginho. Dagli 11 metri è fatale per il Chelsea l’errore di Abraham. Il Liverpool fa festa e dimentica la sconfitta del 4 agosto contro il Manchester City in Community Shield. In quell’occasione il Liverpool era stato beffato ai rigori. 

LEGGI LA CRONACA





 
Mercoledì 14 Agosto 2019, 19:19



© RIPRODUZIONE RISERVATA