Lazio, tutto in 7 giorni: tra mercato e rinnovi, caccia ai colpi last minute
di Enrico Sarzanini

Lazio, tutto in 7 giorni: tra mercato e rinnovi, caccia ai colpi last minute

Fermo il campionato per gli impegni delle nazionali, per la Lazio sarà una settimana decisiva per il futuro. Il patron Lotito, in queste settimane impegnato su altre questioni, è pronto ad una full immersion biancoceleste per provare ad accontentare Sarri sul quale punta tutto. Mercato e rinnovi sono la priorità, poi si potrà parlare del tanto sbandierato rinnovo dell'allenatore che però non ha ancora ricevuto il contratto da firmare. Strakosha è ormai una causa persa e a giugno, salvo clamorose sorprese delle ultime ore, a giugno si potrà liberare a parametro zero. Una sconfitta per il diesse Tare che fu il primo a puntare tutto su di lui quando nessuno lo avrebbe mai fatto. Ci sono invece speranze per l'altra scoperta del dirigente albanese Luiz Felipe: la stima e la considerazione di Sarri lo hanno lusingato, la trattativa si può chiudere a 2,1 milioni netti a stagione e le sensazioni che arrivano da Formello sono positive. Fronte Marusic c'è da tempo la firma fino al 2026 che presto verrà ufficializzata, la sensazione è che la questione sia legata a Kamenovic, sempre della scuderia di Kezman, il neo acquisto che in estate è stato scartato da Sarri, il cui tesseramento sbloccherà la situazione. C'è invece una sorpresa sul fronte Patric anche lui in scadenza a giugno: il Valencia lo vorrebbe da subito ed il giocatore ha chiesto a Lotito di potersi svincolare subito ma vista la penuria di difensori servirà prima un sostituto. In entrata oltre a Casale, piacciono anche Lasagna ed Orsolini, due soluzioni last minute ma pronte, ecco perché Tare in queste ore sta provando ad accelerare sulle cessioni di Muriqi, Vavro, Jony e Adekanye che portebbero finalmente sbloccare il mercato ed accontentare Sari.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 24 Gennaio 2022, 08:26

© RIPRODUZIONE RISERVATA