Giovanni Gregori, esce il nuovo album “Lacrime ribelli”
di Valentina Catini

Giovanni Gregori, esce il nuovo album “Lacrime ribelli”

È uscito da pochi giorni il nuovo lavoro di Giovanni Gregori, giornalista e autore romano che ha vinto il Premio Polimnia per il romanzo e album “L’amore sospeso”.

L’autore torna con un nuovo album intitolato Lacrime ribelli, affiancato da musicisti di grande spessore, quali Gianluca D’Alessio – che in questo caso, è anche produttore – Mimmo Sessa, Luca Fareri e Antonello Mango – già conosciuti al pubblico per  le collaborazioni live con artisti del calibro di Loredana Bertè e Sting.

 

L’album, composto da nove tracce, cerca di riportare sonorità pop nel panorama musicale indipendente cercando di ricreare l’essenza della musica suonata dalla prima nota all’ultima, senza troppi artifici tecnologici. Attenzione ai dettagli e semplicità, si mischiano magistralmente per creare un album con spunti di riflessione profondi e spunti più divertenti e ironici.

Figlio d’arte ad esempio, vuole ironizzare sul mondo dello spettacolo da sempre caratterizzato da una moltitudine di figli d’arte, senza rinnegare che «se c’è arte, un aiutino fa sempre comodo…era un figlio d’arte perfino Gesù», commenta l’autore.

 

In dialetto romenesco è invece Lacrima ribelle – da cui prende il nome l’intero album- che offre spunti più riflessivi e profondi: «Le lacrime ribelli sono quelle che non si fermano sulle guance, ma si confondono con il vento; si mimetizzano discrete negli abbracci dimenticati, nei sogni irrealizzati e in tutte quelle storie appena sussurrate prima di fare l’amore. Sono le lacrime dei bambini che non vogliono andare a dormire, quelle di gioia per una notizia bella e inaspettata, quelle di fatica per un turno di lavoro che non finisce mai…dedicato a chi aspetta e crede da sempre….  conclude l’autore.

A completare l’album, Ali e sabbia, dedicato al tema del perdono, Drag Queen, il cui tema è la discriminazione, In equilibrio verso l’infinito, dedicato a un figlio che non è mai nato, Una parola, dedicata all’importanza del linguaggio, Un ora, un giorno, che descrive il mondo dei ragazzi abbandonati, Lasciami e prendimi, dedicato all’amore, e Password, legata al mondo di internet che con le sue trappole confonde e scuote le vite private di ognuno di noi.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 14 Gennaio 2021, 14:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA