Domenica In, Sileri si offre di vaccinare Vittorio Feltri: «Si fida di un 5 Stelle?». La replica: «Di lei sì, di Di Maio no». Slittano i vaccini per gli over 80

Video

«I ritardi di Pfizer nella distribuzione del vaccino Covid sono gravissimi. Siamo pronti a una diffida se questi ritardi supereranno le due-tre settimane». Una dura presa di posizione, quella di Pierpaolo Sileri, che ospite di Domenica In annuncia di essere sul piede di guerra per l'intoppo che ha frenato la campagna di vaccinazione in Italia e non solo.

 

Leggi anche > Napoli, focolaio al Minniti di Fuorigrotta: 22 positivi in una sola classe, screening su 400 tra studenti e docenti

 

Ospite di Mara Venier, il viceministro della Salute ha spiegato: «I ritardi di Pfizer hanno penalizzato tutta l'Europa, se i ritardi dovessero superare le due-tre settimane sarebbe un danno molto grave. Il problema è mondiale, è ovvio che ci siano ostacoli. AstraZeneca ha annunciato che le prime dosi non arriveranno prima di metà febbraio, ma il ritardo potrà essere colmato con uno sforzo maggiore». Pierpaolo Sileri ha poi aggiunto: «Quando avremo tutte le dosi a disposizione e potremo vaccinare tutta la popolazione, procederemo con la somministrazione dando la priorità in base all'età e alle patologie. La comunicazione dipenderà dall'organizzazione delle singole regioni ma sarà centrale il ruolo dei medici di medicina generale». Le riduzioni di dosi comunicate da Pfizer e da AstraZeneca «faranno slittare di circa quattro settimane i tempi previsti per la vaccinazione degli over 80 e di circa 6-8 settimane per il resto della popolazione. Da domani le dosi a disposizione saranno utilizzate anzitutto per effettuare il richiamo nei tempi previsti a coloro che hanno già ricevuto la prima somministrazione, cioè soprattutto per gli operatori sanitari». 

 

In collegamento con lo studio di Domenica In c'è anche Vittorio Feltri. «Dicono di voler coinvolgere anche i farmacisti, ma mia figlia che è farmacista non ne sa nulla», spiega l'ex direttore di Libero. A quel punto, Pierpaolo Sileri lo incalza: «Se è disponibile, sono pronto a vaccinarla personalmente. Ammesso che lei si fidi di un 5 Stelle...». La replica di Feltri non si fa attendere: «Di lei mi fido, di Di Maio un po' meno...». E Sileri ribatte: «Vabbè, ma Di Maio non è un medico, io sì...».


Ultimo aggiornamento: Domenica 24 Gennaio 2021, 16:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA