Abusi sui bambini in aumento durante la pandemia: «più 17% dei casi online»
di Redazione web

Bambini, abusi in aumento durante la pandemia Covid: «+17% di streaming e chat video»

Oggi i bambini devono affrontare «nuovi rischi significativi». La pandemia da Covid sta «alimentando cambiamenti a lungo termine» e c'è una minaccia che cresce sempre sono gli abusi sessuali online. Questo il risultato dell'analisi dei dati della NSPCC, "Società nazionale britannica per la prevenzione della crudeltà verso i bambini". La principale organizzazione di beneficenza per bambini del paese avverte che le analisi delle ultime tendenze della criminalità mostrano in particolare un aumento del rischio per i bambini già vittime di abusi familiari e un incremento del 17% dei crimini sessuali online contro i bambini nei mesi successivi al primo blocco del Covid-19.

Tre sarebbero secondo la NSPCC i fattori che avrebbero portato a questo drammatico aumento di abusi durante la pandemia: in primis «l'aumento dei fattori di stress per genitori e tutori» sovraccaricati durante la pandemia dai fattori di stress nelle loro vite, in secondo luogo «l'aumento della vulnerabilità dei bambini e dei giovani». 
Ci sono rilevanze che le condizioni causate dalla pandemia di coronavirus abbiano accresciuto la vulnerabilità di bambini e giovani a determinati tipi di abuso (ad esempio abuso online, abuso all'interno della casa, sfruttamento criminale e sfruttamento sessuale di minori). Si sottolinea la «riduzione dei normali servizi di protezione», perché le misure di salvaguardia "tradizionali" su cui facciamo affidamento per proteggere i bambini e i giovani sono state ridotte durante la pandemia. 

I dati sui reati del Ministero degli Interni britannico rivelano che ci sono stati 17.699 reati sessuali su minori registrati dalla polizia in Inghilterra e Galles tra aprile e settembre dello scorso anno. Si tratta di un aumento da 15.183 durante lo stesso periodo nel 2019. Comprende più di 14.500 reati di pubblicazione oscena, quasi un quinto rispetto al 2019. Si ritiene che la maggior parte di questi reati riguardi il commercio di immagini di abusi sessuali su minori. Quasi 3.200 crimini di adescamento sessuale sono stati registrati nei sei mesi dall'aprile dello scorso anno, un aumento del 6% rispetto all'anno precedente secondo quanto iposta Sky News.

Pescara, abusi sessuali sulle nipotine: arrestato lo zio di 54 anni

In particolare, l'ente di beneficenza ha individuato lo streaming live e la chat video come un rischio particolarmente elevato, poiché sta diventando più popolare tra i giovani. Andy Burrows, capo della politica online per la sicurezza dei bambini dell'NSPCC, ha dichiarato: «È chiaro che la pandemia ha aumentato la domanda di immagini di abusi sui bambini, e quindi l'adescamento e l'abuso sessuale dei bambini che la crea».

Il mese scorso, il Ministero dell'Interno ha pubblicato un disegno di legge sulla sicurezza online imporrà un dovere alle aziende tecnologiche, obbligandole legalmente a fare di più per proteggere i bambini sui loro siti. L'iniziativa arriva dopo la decisione di Facebook di dicembre di disattivare alcuni dei suoi strumenti di rilevamento degli abusi sui minori in Europa in risposta alle nuove regole dell'UE. La società ha dichiarato che il cambiamento è dovuto alla nuova direttiva sulla privacy che ha vietato la scansione automatica dei messaggi privati. In un post Facebook ha dichiarato: «La sicurezza della nostra comunità è fondamentale e stiamo sostenendo cambiamenti che ci consentano di riprendere i nostri sforzi per identificare questo tipo di materiale».

Bologna, urla, calci e schiaffi ai bimbi: maestra arrestata. Il Comune: «Sospesa dalla scuola»

Burrows ha detto: «È sorprendente che in questo momento di rischio elevato, invece di fare ogni sforzo per combattere questi crimini, alcune aziende tecnologiche sembrano aprire la strada agli abusi per non essere controllati con decisioni commerciali che compromettono la sicurezza dei bambini e li mettono a rischio ancora maggiore».

Ma l'aumento dell'esposizione dei minori a occasioni di abuso non arriverebbe solamente da internet. Secondo la NSPCC, anche l'aumento del tempo trascorso in casa, rappresenterebbe per i bambini già vittima di violenza, una spaventosa minaccia. «Per i bambini che stanno già subendo abusi o negligenza da parte dei membri della famiglia, reclusione a casa ha significato un'esposizione prolungata a potenziali danni» si legge nel report.

Telefono azzurro, per i minori è allarme internet: «Ha inciso il lockdown»


Ultimo aggiornamento: Lunedì 8 Febbraio 2021, 13:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA