Salvini: «Armi sequestrate ai neonazisti servivano a uccidere me»

Il missile Matra e le armi sequestrati ieri a un gruppo neonazista filoucraino a Torino nell'ambito di un'indagine sulla preparazione di un attentato contro il ministro Matteo Salvini. Lo ha svelato oggi a Genova lo stesso vicepremier. «L'ho segnalata io. Era una delle tante minacce di morte che mi arrivano ogni giorno. I servizi segreti parlavano di un gruppo ucraino che attentava alla mia vita. Sono contento sia servito a scoprire l'arsenale di qualche demente». 



«Penso di non aver mai fatto niente di male agli ucraini - ha detto ancora Salvini - ma abbiamo inoltrato la segnalazione e non era un mitomane. Non conosco filonazisti. E sono contento quando beccano filo-nazisti, filo-comunisti o filo chiunque».

Martedì 16 Luglio 2019, 14:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA