Centrodestra in piazza, altro che distanziamento: in centinaia accalcati attorno a Salvini e senza mascherine

di Domenico Zurlo
Doveva essere un flash mob, una manifestazione simbolica nel giorno della Festa della Repubblica: appena 300 persone contingentate, attorno ai leader del centrodestra Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Antonio Tajani. Ma la manifestazione delle forze di opposizione è diventata un vero e proprio corteo, intorno ad un maxitricolore, radunatosi in piazza del Popolo e che ha proseguito su via del Corso: in centinaia accalcatosi intorno ai loro leader, Salvini in primis.

Leggi anche > 2 giugno, centrodestra in corteo a Roma. Salvini: «Qui per gli italiani dimenticati»

Già al raduno in piazza del Popolo in tanti si erano avvicinati a Salvini e Meloni per chiedere un selfie, nonostante l'invito degli organizzatori a mantenere le distanze: e in parecchi tra i militanti non hanno nemmeno la mascherina. A decine, nel serpentone con l'enorme striscione tricolore, hanno apertamente ignorato le regole sul distanziamento sociale, come mostrano le immagini della manifestazione

Leggi anche > 2 Giugno 2020, a Piazza Venezia assembramenti per vedere le Frecce tricolori. E c'è chi non ha la mascherina

Assembramenti e cattivi esempi anche tra i giornalisti, che si sono avvicinati ai leader del centrodestra per le interviste di rito. Dopo la manifestazione dei gilet arancioni di pochi giorni fa, un altro esempio di assembramenti senza alcuna prudenza nonostante la pandemia di coronavirus sia tutt'altro che debellata.

 
 

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 3 Giugno 2020, 08:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA