Salvini: «Statali in smart working è irrispettoso. Covid diffuso dalla Cina per colonizzare economie»

Salvini: «Statali in smart working è irrispettoso. Covid diffuso dalla Cina per colonizzare economie»

Il leader della Lega Matteo Salvini è intervenuto su Tgcom24, ha bocciato lo smart working per la pubblica amministrazione e ha lanciato accuse verso la Cina. «Mi sembra chiaro ed evidente, non so se volontariamente o involontariamente, che la Cina abbia contagiato il resto del mondo per colonizzarlo economicamente. E ora non vorrei che venissero a comprare sottocosto alberghi, aziende, case, terreni o fabbriche italiane», le sue parole.

Leggi anche > Statali, nel 2021 ci saranno più pensionati che dipendenti. «Un lavoratore su sei è over 62»

Salvini dice di augurarsi che «il governo dica qualcosa, che alzi la voce. La Cina - sottolinea - è un regime comunista sanguinario. Trattare con la Cina è trattare con un regime sanguinario. Ci sono 161 paesi al mondo - ricorda - che hanno votato la richiesta di una commissione d'inchiesta» sulla diffusione del coronavirus mentre «ovviamente, il governo italiano dorme».

Leggi anche > Sala e il post Covid: «Milano vuole ripartire, il resto dell'Italia non so...»

Quanto allo smart working: «Lasciare in smart working fino a dicembre i lavoratori del pubblico impiego mi sembra irrispettoso verso gli altri lavoratori, quelli del privato e gli autonomi. Molti da casa lavorano, altri da casa lavorano un po' meno». Sabato scorso la piazza del centrodestra era mezza vuota, il 2 giugno eravate troppi...«Se siamo tanti, siamo irresponsabili, se siamo meno, non c'è gente. Se ci sono i giovani non va bene, se sono anziani stanno lì a dormire... Ma lo prendo con un sorriso: il 90% della stampa è schierata con la sinistra», ha aggiunto sulla manifestazione a piazza del Popolo che «non era una manifestazione contro il governo ma con ricette per l'Italia».
Ultimo aggiornamento: Lunedì 6 Luglio 2020, 12:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA