Caso Berlusconi: la Corte europea chiude il caso senza emettere giudizio
di Luca Calboni

Caso Berlusconi: la Corte europea chiude il caso senza emettere giudizio

La Corte europea dei diritti umani ha accolto la richiesta di Silvio Berlusconi: l'ex Cavaliere aveva chiesto che la Corte di Strasburgo non emettesse un giudizio sul ricorso presentato dallo stesso leader di Forza Italia riguardo all'applicazione della legge Severino.

Roma, rom minacciano parroco per avere l'elemosina: «Diamo fuoco a tutto»

In sintesi Strasburgo doveva decidere se, obbligando Silvio Berlusconi a lasciare il suo seggio in Senato nel 2013, e impedendogli di presentarsi come candidato alle elezioni, comprese quelle dello scorso 4 marzo (in base a quanto previsto dalla legge Severino), l'Italia abbia violato o no i diritti di Silvio Berlusconi. Lo stesso ex Cavaliere, che aveva presentato ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo, ha chiesto alla stessa Corte di non pronunciarsi. Mozione accolta e caso chiuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA