Fa pipì in strada, coppia lo rimprovera: aggrediti e picchiati

Scoppia la rissa: la donna viene spinta a terra, poi contro un’auto. Lui viene colpito da una raffica di calci e pugni.

Fa pipì in strada, coppia lo rimprovera: aggrediti e picchiati

Marciapiedi scambiati per bagni pubblici. E' quanto successo in via Palli a Torino, dove una donna, Marta, stava rientrando a casa con il suo compagno e, poco lontano da casa, ha visto un ragazzo fare pipì per strada. Era pieno pomeriggio, intorno le 16: «Proprio lì, davanti a tutti, come se nulla fosse» ha dichiarato Marta a La Stampa. Con l'uomo c'erano altri due amici che, alla vista dei passanti sono scoppiati a ridere. «L’ho rimproverato. Gli ho fatto notare che certi bisogni non si fanno in mezzo alla strada, che ci sono i bar», spiega la donna. «Ho preso il cellulare per chiamare la polizia». Ma invece di scusarsi, i tre la insultano: «Pensa agli affari tuoi». E le rivolgono una frase volgare, sessualmente esplicita. «Non ti permettere di parlarle così» interviene il compagno per difenderla.

Leggi anche > Siccità, le regioni: «Chiederemo il livello massimo di allerta, quello rosso»

Scoppia la rissa: la donna viene spinta a terra, poi contro un’auto. Lui viene colpito da una raffica di calci e pugni. Medicato al pronto soccorso del San Giovanni Bosco, ora ha un occhio livido, una frattura allo zigomo e al naso per una prognosi di trenta giorni.

«Ho 50 anni e sono della generazione del “per favore” e “mi scusi” - spiega Marta -. Quando gli adulti mi facevano notare un atteggiamento inappropriato, stavo in silenzio. Questi ragazzi avranno avuto a malapena 18 anni, facevano la pipì sul marciapiede. Mi sono rivolta a loro con educazione e questo è stato il risultato». I tre hanno aggredito la coppia e poi sono fuggiti. «Ad uno era caduto il cellulare. È tornato a raccoglierlo, poi è corso via» racconta.

Le vittime hanno fornito un identikit agli agenti delle volanti della questura arrivati in via Palli. E ora i poliziotti stanno analizzando i filmati delle telecamere di videosorveglianza per risalire ai responsabili. C’è chi, tra i testimoni, sostiene che frequentino la zona, di averli già visti scorrazzare in bici. «Abito in Borgo Vittoria da sempre, ma la zona è cambiata. In peggio» denuncia Marta. «Spero che la polizia li individui al più presto e che raccontare l’accaduto sensibilizzi». 


Ultimo aggiornamento: Domenica 19 Giugno 2022, 18:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA