Roma, mistero sul litorale: due corpi carbonizzati ritrovati in una Ford Fiesta, sono un uomo e una donna

Due corpi carbonizzati sono stati ritrovati stamattina in auto a Torvaianica. I cadaveri, che non sono ancora stati identificati, ma sono un uomo e una donna, sono stati rinvenuti all'interno di un'auto ferma su una strada di campagna che conduce al mare, in Via San Pancrazio, in località Torvaianica, in una traversa di via Siviglia a Pomezia.

Vigna Clara, esplosione in un palazzo: operai investiti da una fiammata mentre cambiano contatore del gas
 
 


I cadaveri sono stati trovati all’interno di un’auto. Sul posto Vigili del Fuoco e i Carabinieri che indagano.

A lanciare l'allarme sono stati i residenti verso le 8 di stamattina, quando hanno visto una colonna di fumo alzarsi dall'erba nella zona a due passi dal mare. I vigili del fuoco hanno trovato una Ford Fiesta con all'interno i corpi carbonizzati che, secondo gli investigatori, potrebbero essere di due italiani. 

Uno seduto davanti, l'altro dietro. Questa la posizione dei due cadaveri carbonizzati all'interno della Ford Fiesta distrutta dalle fiamme in un terreno incolto in via San Pancrazio, a Torvaianica, alle 8 di questa mattina. I carabinieri del Ris, sul posto per i rilievi, sono andati via poco dopo il carro attrezzi che ha portato via l'auto, ora sotto sequestro.

La speranza di ricostruire con precisione la dinamica del rogo che questa mattina ha carbonizzato una Ford Fiesta con due persone all'interno, in un terreno incolto in via San Pancrazio, a Torvaianica, è sfumata con le parole della proprietaria della villetta di fronte circondata da filo spinato e telecamere. «Proprio ieri hanno smesso di funzionare - spiega la donna - e comunque non registravano. Le altre sono invece finte».

LA TESTIMONIANZA
«Alle 8 abbiamo sentito un botto pazzesco, poi le fiamme. Abbiamo chiamato subito i vigili del fuoco perché, con l'erba alta, era facile che scoppiasse un incendio ancora più violento. Non siamo però usciti a controllare, ci siamo fatti gli affari nostri. Nessuno ha gridato, in quella macchina erano già morti. Sono stati i clan mafiosi che lavorano tra Ardea e Torvaianica». Così all'Adnkronos un residente di via San Pancrazio, a Torvaianica, il primo a chiamare i vigili del fuoco questa mattina permettendo di rinvenire all'interno dell'auto carbonizzata i due cadaveri ancora in fase di identificazione. Non vuole dire come si chiama, la paura è molta ed è sicuro quando dice che «il rogo è opera dei clan».

È stata rintracciata la proprietaria della macchina trovata in fiamme stamattina a Torvaianica con all'interno due cadaveri carbonizzati. Si tratterebbe di una donna di Pomezia di circa 70 anni. La donna avrebbe spiegato che la macchina l'ha presa ieri sera la figlia, di cui non si hanno più notizie. I corpi completamente carbonizzati, di un uomo e di una donna, erano uno sul sedile anteriore e l'altro sul posteriore. Sulla vicenda sono in corso indagini dei carabinieri che al momento non escludono nessuna ipotesi.

Venerdì 14 Giugno 2019, 11:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA