Colpito con un pugno durante una lite, ragazzo di 27 anni morto dopo 5 mesi in coma

Sami Kourid, dopo 5 mesi di coma, non ce l'ha fatta: in agosto fu colpito da un pugno durante una lite nella sua Tivoli

Colpito con un pugno durante una lite, ragazzo di 27 anni morto dopo 5 mesi in coma

Dopo 5 mesi di lotta tra la vita e la morte, Sami Kourid si è arreso. Il giovane 27enne era in coma dopo aver ricevuto un pugno durante una lite. Un colpo letale che lo ha fatto cadere a terra e battere la testa sull'asfalto. Un litigio avvenuto nella notte tra il 4 e 5 agosto in piazza Garibaldi a Tivoli e che, adesso, si è trasformato in tragedia.

Leggi anche > Addetto alla raccolta rifiuti travolto e ucciso da un'auto mentre raccoglie la spazzatura

L'aggressione

 

Sami Kourid è morto al policlinico Umberto I di Roma. Sul suo caso indagano i carabinieri coordinati dalla procura. L'aggressore è un 36enne romano, identificato dopo la lite, che adesso rischia un'accusa per omicidio o per morte in conseguenza di altro reato. Quella notte Sami era in piazza Garibaldi insieme agli amici di sempre, mentre il 36enne romano era in compagnia di alcune persone. All'improvviso i due hanno iniziato a litigare. Un litigio in un crescendo di insulti che hanno portato il romano a colpire la vittima con un pugno al volto. Sami è caduto a terra e non si è mai ripreso. Nella caduta il 27enne aveva riportato una frattura del cranio e un'emorragia cerebrale.

Il dolore per la morte

Tanto lo sgomento in tutta Tivoli, dove il giovane era conosciuto da tutti, e il dolore dei familiari. Su tutti, nonna Anna Maria, ha voluto ricordarlo con un post su Facebook. «Sami cuore mio che dolore immenso. Mi vengono molte cose in mente di quando eri bambino che ora sono solo ricordi vita della mia vita.

Ti ringrazio perché sei venuto al mondo quando stavo passando un periodo bruttissimo e tu mi hai dato la forza di andare avanti, ma ora mi devi dare la forza di andare avanti senza di te. Non sentirò più il telefonino squillare. Non mi dirai più 'nonnì vedi le scarpe che mi sono comprato che dici ti piacciono'. Spero che trovi la pace che non hai trovato qui sulla terra. Eri di una bontà infinita verso il prossimo. Eri il fiore più bello che poteva esistere». Un ultimo saluto social che sta commuovendo la cittadina alle porte di Roma.


Ultimo aggiornamento: Sabato 18 Marzo 2023, 23:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA