Stuprata alla Garbatella, il racconto choc: «Violenza inaudita, ho pensato di morire. Fermatelo, è un mostro»

Stuprata alla Garbatella, il racconto choc: «Violenza inaudita, ho pensato di morire. Fermatelo, è un mostro»

di Redazione web

Inseguita mentre tornava verso la sua auto dopo una serata con gli amici, nel quartiere Garbatella, da un uomo che l'ha braccata nell'abitacolo della vettura e l'ha violentata. È terribile il racconto della donna di 40 anni che venerdì scorso è stata vittima di violenza sessuale in uno dei quartieri più celebri di Roma: la vittima ha raccontato a Repubblica quello che è accaduto. «Pensavo di morire, lui era lì solo per violentarmi, era brutale. Prima mi ha presa per la gola, poi mi ha fratturato lo sterno».

Tre stupri in un weekend, Roma sorvegliata speciale: vertice in prefettura, stanziati 9 milioni

Il racconto choc della donna violentata

La donna è ancora sconvolta da ciò che è successo: «Ho provato a reagire ma mi ha rotto lo sterno. Non è un senzatetto, conosce bene la zona - continua - Quell'uomo mi ha stordito in un modo brutale all'improvviso. Mi ha presa per la gola, fino a quando ho pensato che stavo per morire. Mi ha schiacciata contro il freno a mano, in quel momento mi ha fratturato lo sterno. A un certo punto non ho avuto la forza di reagire. E anche se provavo a divincolarmi, mi sono resa conto che mi aveva incastrato. Qualsiasi cosa avessi provato a fare mi avrebbe massacrata».

E ancora: «Una violenza spropositata. Lui poteva prendersi la macchina, la mia borsa, il telefonino, tutto. Invece voleva solo farmi del male, violentarmi. Era questo il suo obiettivo. Poi si è preso anche i soldi». «È un mostro, va fermato subito. Lui cercava prede in giro quella sera. E, secondo me, mi ha avvistata. Ma poteva essere qualsiasi altra donna la vittima. Invece è successo a me e adesso sento di dover tutelare la mia famiglia. Ai miei parenti non ho ancora detto ciò che mi è successo. Chiedo di essere lasciata sola a riprendermi da quanto ha sconvolto la mia vita».

 

Ultimo aggiornamento: Sabato 8 Ottobre 2022, 21:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA