Influenza e Covid, assalto in farmacia: introvabili soprattutto i farmaci per i bambini. Mamme disperate in chat

Influenza e Covid, assalto in farmacia: introvabili soprattutto i farmaci per i bambini. Mamme disperate in chat

di Lorena Loiacono

“Voi lo trovate il Nurofen?”: la domanda corre da una parte all’altra di Roma, sulle chat delle mamme alle prese con l’influenza dei figli. E la risposta è sempre la stessa: “No, è introvabile”. In questi giorni in cui il Covid sta rialzando l’allerta e, soprattutto tra i bambini, dilagano i sintomi più comuni di febbre, mal di gola e influenza, la caccia alla molecola dell’ibuprofene va avanti di quartiere in quartiere, fino all’ultima supposta. Ma non dà mai esito positivo. Gli scaffali delle farmacie ormai sono vuoti: nelle file dei farmaci antinfiammatori e antidolorifici mancano sempre le stesse confezioni, quelle meglio conosciute con i nomi commerciali di Nurofen, Brufen o Momentkid.

«È Covid, non infarto», donna torna a casa dal Pronto soccorso e muore sotto gli occhi del marito. I familiari presentano denuncia

Vittorio De Scalzi morto a 72 anni, il cantante dei New Trolls colpito da fibrosi polmonare dopo il Covid

L'ibuprofene come copertura dal Covid

Il motivo? «Con la febbre alta, sopra i 38 gradi - spiegano da una farmacia in zona Pietralata - è consigliabile assumere l’ibuprofene perché, qualora si trattasse di Covid, il paziente avrebbe già iniziato la copertura con il medicinale giusto. Nessuno prende il paracetamolo, come accadeva prima del Covid. E così le confezioni di ibuprofene stanno scarseggiando, arrivano con il contagocce». Il problema riguarda tutta Roma: «Ne siamo sprovvisti - spiegano dalla farmacia di viale Marconi - soprattutto nel formato dedicato ai bambini, vale a dire supposte e sciroppo». E sui social impazza la ricerca: «Nella farmacia di piazza Conca d’Oro ce l’hanno».

La risposta della casa farmaceutica

Oppure: «La settimana scorsa l’ho preso a piazza Mazzini ma adesso potrebbe essere terminato anche lì». C’è anche chi ha contattato personalmente la casa farmaceutica del farmaco e riporta online la risposta: «Stiamo lavorando per risolvere i problemi di distribuzione, vi rassicuriamo della temporaneità del disagio». Temporaneo sì, ma comunque preoccupante: «Quando passerà il problema - replica una mamma - spero sia già passata la febbre a mio figlio». 

La solidarietà tra mamme


E allora parte il fai-da-te: ci sono mamme che, avendo da poco curato il figlio, mettono disposizione il loro sciroppo appena aperto che ormai non serve più. E molti si rivolgono alle farmacie in grado di preparare farmaci galenici, preparati da loro. C’è chi consiglia la farmacia di piazza Bologna e chi quella di via del Fiume Bianco al Torrino che ha messo a punto lo sciroppo con lo stesso principio attivo e lo stesso dosaggio del Nurofen.


Ultimo aggiornamento: Martedì 26 Luglio 2022, 07:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA