Elezioni comunali di Roma, Carlo Calenda presenta la sua squadra: presentati i primi 5 minisindaci. Ecco chi sono
di Lorena Loiacono

Elezioni comunali di Roma, Carlo Calenda presenta la sua squadra: presentati i primi 5 minisindaci. Ecco chi sono

Presentati i primi 5 candidati minisindaci, della squadra messa in campo da Carlo Calenda: la corsa al Campidoglio entra nel vivo con i primi nomi che si candideranno per governare i municipi

 

Il leader di Azione ha scelto, al suo fianco, sia nomi già esperti dell'amministrazione pubblica sia professionisti della società civile pronti ad analizzare i problemi e a cercare soluzioni

 

I 5 candidati, quattro donne e un uomo, questa mattina hanno proposto le loro idee per cambiare Roma, nel quartier generale del leader di «Azione», su via Corso Vittorio Emanuele II. Lì dove, da mesi, l'aspirante sindaco prepara la sua campagna elettorale, raggruppando le idee raccolte sul territorio.

 

Carlo Calenda ha assicurato che sarà presentata una sola lista civica, «Calenda sindaco», e che «l'unico modo possibile per far girare Roma è avere un programma e una classe dirigente preparata e che non ha partecipato alla paralisi di Roma».

 

Photo Credit: Toiati, foto d'archivio

 

A fine giugno la squadra di Calenda inizierà ad incontrare i cittadini, con incontri pubblici e domande senza rete: “non farò un comizio ma risponderò alla cittadinanza avendo vicino il candidato al municipio. Affronterò domande senza rete, andremo anche nei luoghi di villeggiatura dei romani, per incontrare ed ascoltare le persone”.

 

Sul tema delle occupazioni abusive e degli sgomberi Calenda ha sottolineato: “Non esiste una politica sociale degli sgomberi, esiste il ripristino della legalità perché le occupazioni sono abusive: non lo dico io, lo dice la legge”.

 

Illustrando i numeri dell'emergenza abitativa romana, ha chiarito: «A Roma il 16% delle case popolari sono occupate abusivamente. Molte sono gestite dalla malavita


I nomi in corsa:

 

Giuseppe Lobefaro per il I Municipio

Nel 1985 ha fatto parte della Commissione Interministeriale per la “prevenzione del disagio minorile” e dal 1993 fino al 1997 è stato eletto consigliere del Comune di Roma con delega speciale alla tutela dell’infanzia. A seguito di tale delega, ha promosso l’istituzione dell'Ufficio comunale "La città a misura delle bambine e dei bambini”. Per tre anni, dal 1998, è stato Capo Segreteria dell’Assessore al Turismo della Regione Lazio e dal 2000 membro della segreteria del Ministro dell’Interno. Nel 2001 e di nuovo nel 2006 viene eletto Presidente del I Municipio “Roma Centro Storico” fino al 2008.

 

Caterina Boca – Municipio II

Avvocato, collabora da anni con numerose organizzazioni umanitarie, nazionali e locali, coordinando progetti e fornendo assistenza legale nell’ambito delle politiche sociali, delle politiche migratorie, dell’inclusione delle donne vittime di violenza. Formatrice per enti pubblici e organizzazioni del terzo settore, e docente presso l'Università Urbaniana di Roma dove insegna “Politiche migratorie comparate e tutela dei diritti dei migranti”. Dal 2016 è consigliera presso il Municipio Roma II dove ricopre l’incarico di Presidente della Commissione Politiche sociali, rapporti con le ASL, sicurezza e politiche abitative.

«Il municipio 2 è composto dall'unione degli ex 2 e 3: sono uniti ma restano di fatto divisi. Anche corpo polizia municipale, ad esempio, mantiene due sedi diverse. Abbiamo delle Ville bellissime ma vanno messe in sicurezza per essere vissute, per poterle ridare ai cittadini».

Boca poteva essere una candidata alle primarie per il Pd, nel municipio 2, ma ieri ha ufficializzato la sua corsa al fianco di Calenda: «La classe dirigente del Pd ha al suo interno – ha sottolineato il leader di Azione - forze che frenano e forze con spirito di cambiamento. Quelle che frenano sono in maggioranza. E' la storia di Boca, pronta al cambiamento e al rinnovamento della città, che ha deciso di presentarsi con me, ma è anche la mia storia».

 

Simonetta Novi – Municipio VIII

Laureata in Lettere Moderne, giornalista, per 40 anni è stata responsabile Comunicazione per primarie aziende nazionali e multinazionali. Ha 25 anni di volontariato animalista alle spalle e, per 9 anni, ha collaborato con Roma Capitale sul tema dei diritti degli animali. Un’esperienza che l'ha formata nelle relazioni sindacali, nella gestione del personale, nella valorizzazione dei volontari e sui meccanismi amministrativi e politici che governano degli uffici comunali.

“Nel nostro municipio manca un'isola ecologica e abbiamo delle situazioni da risolvere come l'ex Fiera di Roma, i Mercati generali e l'albergo di via Giustinianeo Imperatore”

 

Francesca Severi – Municipio XII

Laureata in Economia e Commercio con tesi in diritto del lavoro, ha conseguito un MBA alla Luiss. Dal 1999 è stata assunta in Telecom Italia, dove ho lavorato per diversi anni come product manager, prima nella direzione internazionale e poi nella direzione business, in seguito nell’ambito dell’innovazione di mercato per l’ideazione di nuovi servizi. Successivamente, si è occupata di business modelling per applicazioni di Scuola Digitale, soluzioni e-Health e e-Wellness, Digital Identity e Mobile Payment. È attiva in associazioni di genitori e nel comitato del suo quartiere. Intende l’impegno politico come servizio, per lasciare ai suoi figli una città migliore.

E' alla sua prima esperienza in politica, esperta in analisi ha contributo al gruppo messo in campo da Calenda per analizzare i singoli dettagli del suo municipio. “Il municipio 12 è diviso tra Monteverde da un lato e Bravetta, Pisana, Malagrotta e Castel di Guido dall'altro. Sono mondi che non si parlano e ci sono zone, come Porta Portese, che vivono come periferie del municipio”.

 

Caterina Monticone – Municipio XIII

Nata a Roma il 17 marzo 1963, sposata, due figli di 22 e 25 anni. Laureata in Lettere presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, nel 2009 consegue un Master Universitario in “Migrazioni: politiche e risorse per la coesione Sociale”. Dall’87 al 2001 è assistente di volo in Alitalia, poi impiegata presso l’Area Risorse Umane del personale navigante e tecnico. È socia e volontaria, dal 2003, dell’Associazione di Volontariato ONLUS LA.VA. Lavoro Vagabondo, impegnata in attività per il reinserimento sociale dei senzatetto e il sostegno agli immigrati. È inoltre attiva nell’ambito di progetti internazionali a sostegno di popolazioni che vivono situazioni di disagio, partecipando ad esperienze di cooperazione in Etiopia, Camerun, Repubblica Democratica del Congo e India. Nel 2013 viene eletta al Consiglio del Municipio XIII, rivestendo l’incarico di Presidente della Commissione “Elette – Pari Opportunità”, componente delle tre Commissioni permanenti “Servizi Sociali”, “Lavori Pubblici”, “Cultura e partecipazione” e della Commissione speciale per la scrittura del Regolamento del Consiglio del Municipio

Pone l'accento sulla valorizzazione del territorio: dal recupero del parcheggio di Cornelia, mai aperto con enorme sperpero di denaro pubblico, alle tre fermate della metro che non dispongono di un parcheggio, fino all'Auditorium fuori uso da anni e alla Pineta sacchetti da mettere in sicurezza


Ultimo aggiornamento: Venerdì 18 Giugno 2021, 16:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA