Bootcamp della Casa delle Tecnologie Emergenti al via

Bootcamp della Casa delle Tecnologie Emergenti al via

Un raduno di innovatori. Progetti e start up che hanno dato vita alla prima sessione di bootcamp nella Casa delle Tecnologie Emergenti. Al via questa mattina CTE 360, la call for ideas che fa parte del progetto della CTE di Roma Capitale. Negli spazi aperti all’innovazione, all'interno dell'Hub ferroviario di Tiburtina, le 23 startup selezionate si sono sfidate a colpi di pitch. Il format rispecchia molto le selezioni stile X-Factor: in cinque minuti i candidati hanno dovuto convincere i giurati dell’efficacia della propria idea, presentando il team e dimostrando attinenza con la challenge proposta, focalizzata sui temi della mobilità e dei servizi al turismo.

La task force di esperti, un membro per ogni partner del progetto CTE (Roma Capitale, Peekaboo e LVenture), ha valutato le aspiranti nuove piccole imprese: solo 12 passeranno la selezione e parteciperanno al programma di pre-accelerazione della Casa delle Tecnologie Emergenti. In questo modo, avranno anche la possibilità di prepararsi per partecipare al bando che il Campidoglio pubblicherà nel corso dell’estate e attraverso il quale si svilupperanno i percorsi di accelerazione e di trasferimento tecnologico. In scena progetti di smart sharing control indirizzati alla mobilità leggera e sostenibile, idee per rimuovere l’inquinamento attraverso i veicoli in movimento, di connessione virtuale agli spazi turistici, di gestione del ciclo dei rifiuti, percorsi di machine learning, piani di consulenza per hotel ed altre innovazioni capaci di trasformare una città in una smart city. La commissione di giurati comunicherà i vincitori nel corso della prossima settimana, dando poi il via al percorso di pre-accelerazione che accompagnerà i selezionati nei prossimi mesi.

"La Casa delle Tecnologie Emergenti è già a regime - spiega l'assessora alle Attività Produttive e Pari Opportunità Monica Lucarelli - abbiamo riscontrato da subito molto entusiasmo da parte di giovani innovatori che vogliono farsi strada. La CTE è un progetto a cui abbiamo dato massima priorità perché siamo convinti che possa essere davvero un'occasione per trasformare e migliorare la nostra città. Investire sui giovani, dare formazione e creare percorsi ad hoc è un faro per la nostra amministrazione. In questa direzione la Casa delle Tecnologie può essere un volano unico per mettere insieme realtà che finora, a Roma, erano lontane. Oggi queste realtà, che vanno dal mondo universitario alle imprese, si trovano sotto il "tetto" della CTE".


Ultimo aggiornamento: Venerdì 24 Giugno 2022, 19:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA