Bimbo in bici ucciso da auto a Milano, il pirata non aveva la patente

Bimbo in bici ucciso da auto a Milano, il pirata non aveva la patente

Travolto da un'auto pirata, in zona Certosa a Milano, Mohanad, dodici anni il prossimo dicembre, è morto dopo essere stato scaraventato con la sua bicicletta a una ventina di metri di distanza. L'automobilista, un ventenne italo-marocchino, si è costituito soltanto dopo alcune ore. Denunciato a piede libero, deve rispondere di omicidio stradale e fuga dopo l'incidente, con l'aggravante di aver guidato senza patente, mai conseguita.

Milano, gira in auto con una pistola e minaccia un ragazzo in scooter: «Ca*** guardi, ti sparo»

Mohamad girava in bici vicino al ristorante in cui lavora il padre

 Mohanad, famiglia di origini egiziane, girava in bici per le vie del quartiere quando, la scorsa notte in via Bartolini, nei pressi del ristorante in cui lavora il padre, è stato investito. Immediati i soccorsi, allertati da alcuni passanti e dallo stesso padre, vedovo e sotto choc per l'accaduto, ma per il ragazzino non c'è stato nulla da fare.

«Non l'ho visto, non mi sono accorto», si è giustificato il giovane

«Non l'ho visto, non mi sono accorto», si è giustificato il giovane, che ha sostenuto di essersi allontanato perché senza patente. Una versione ora al vaglio degli agenti della polizia municipale, coordinati dal pm Rosario Ferrocane, che stanno cercando di ricostruire nel dettaglio quanto accaduto. L'automobilista guidava un'auto intestata a una società. Negativo all'alcol test, gli inquirenti sono in attesa dell'esito degli esami in cerca di eventuali droghe. Acquisite le immagini delle telecamere della zona, sono state anche raccolte alcune testimonianze sulla base delle quali sembra che nessuno abbia visto il momento dell'impatto. Da chiarire anche la velocità dell'auto, che procedeva dal centro verso la periferia.

E' il ventunesimo bimbo morto in incidenti stradali dall'inizi del 20220

Mohanad è il ventunesimo bambino deceduto in incidenti stradali dall'inizio del 2022 e, fa notare l'Osservatorio dell'Asaps, l'associazione sostenitori della Polizia Stradale, la seconda piccola vittima in quattro giorni travolta in bicicletta sulla strada. In tutto il 2021 erano stati 29. Da 11 a 13 anni la fascia più colpita, con 13 vittime, dieci nella fascia da 0 a 5 anni, sei decessi da 6 a 10 anni. Il maggior numero di bambini, 21, ha perso la vita su strade statali e provinciali, sette su strade urbane e uno in autostrada. «Gli operatori della Polizia Locale e i soccorritori sono intervenuti tempestivamente e ringrazio loro e tutti coloro che sono impegnati per ricostruire la dinamica dei fatti e le responsabilità - commenta la vicesindaco di Milano, Anna Scavuzzo, nell'esprime il cordoglio della Città e la vicinanza alla famiglia della giovanissima vittima -. Ora è un momento di grande dolore, di raccoglimento e di rispetto per la famiglia del piccolo e di tutta la sua comunità, a cui va l'abbraccio commosso della città», definita «attonita» e costernata« per l'accaduto. 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 11 Agosto 2022, 09:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA