Esplode il portellone di un camion, morto vigile del fuoco: stava tentando di spegnere le fiamme

Esplode il portellone di un camion, morto vigile del fuoco: stava tentando di spegnere le fiamme

Dramma nel tarantino nella notte, dove un vigile del fuoco, Antonio Dell'Anna di 54 anni è morto durante un intervento nei pressi di una masseria nelle campagne tra San Giorgio Jonico e Pulsano: il vigile del fuoco, di Fragagnano e in servizio presso il distaccamento di Grottaglie, era intervenuto per sedare le fiamme di un camion, ma è stato travolto dal portellone del camion e per lui non c'è stato nulla da fare. 

Schianto tra auto e tir: morti un uomo e una donna, salvo e illeso un bimbo di sei mesi


L'incidente è avvenuto intorno all'una: le operazioni di soccorso erano scattate per domare l'incendio che aveva avvolto un furgone per il trasporto degli animali. Il fuoco, però, ha deformato il meccanismo di uno sportellone che ha ceduto di schianto ed ha travolto la vittima. L'uomo è stato subito soccorso e condotto all'ospedale Santissima Annunziata. Ma per lui, purtroppo, non c'è stato nulla da fare. 
 
 

LA DINAMICA Il fuoco, secondo i primi accertamenti, ha deformato il meccanismo levatoio del portellone, che ha improvvisamente ceduto, travolgendo il 54enne. I tentativi di soccorso sono risultati vani. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di San Giorgio Jonico, della Compagnia di Martina Franca e del Reparto operativo del comando provinciale di Taranto. Indagini sono state avviate per comprendere le cause dell'incendio. Il mezzo aveva preso fuoco mentre era parcheggiato all'interno di un'azienda agricola. I proprietari avevano chiesto l'intervento dei pompieri e durante le operazioni di spegnimento è avvenuta la tragedia.

IL CORDOGLIO «Ancora una vittima sul lavoro, ancora un Vigile del Fuoco, ancora un lavoratore da ricordare non per ciò che ha fatto ma per ciò che non farà più»: ricordano così i colleghi Antonio, il pompiere di 54 anni di Fragagnano, in servizio presso il distaccamento di Grottaglie, morto la notte scorsa durante un intervento nei pressi di una masseria nelle campagne tra San Giorgio Jonico e Pulsano.
Il Dipartimento della Protezione Civile ha espresso in una nota «il più sentito cordoglio per il vigile del fuoco deceduto mentre era impegnato, a San Giorgio Ionico in provincia di Taranto, nelle attività di soccorso legate allo spegnimento di un incendio in un maneggio. Nell'esprimere la propria vicinanza ai familiari, il Capo del Dipartimento, Angelo Borrelli, rinnova la stima e l'apprezzamento per l'operato del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e di tutte le forze, le strutture operative, le organizzazioni e i volontari che - conclude la nota - con dedizione operano ogni giorno nei tanti ambiti di Protezione Civile».
Un messaggio di cordoglio è arrivato anche dal ministro dell'Interno Matteo Salvini: «Una preghiera per Antonio, il Vigile del Fuoco morto in provincia di Taranto e un abbraccio ai suoi colleghi e alla sua famiglia. Ha perso la vita mentre era in servizio, a conferma che quello dei Vigili del Fuoco non è un semplice lavoro ma una vera e propria missione. Prosegue con ancora più forza il mio impegno per un piano di assunzioni straordinario, con l'obiettivo di equiparare il trattamento dei pompieri a quello delle altre forze di sicurezza», scrive il leader leghista.
Martedì 11 Giugno 2019, 09:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA