Stupro a Firenze e l'interrogatorio choc. "Le ragazze vittime due volte, processate per difendere i colpevoli"

Stupro a Firenze e l'interrogatorio choc. "Le ragazze vittime due volte, processate per difendere i colpevoli"

Con l'interrogatorio per la presunta violenza sessuale a Firenze da parte di due carabinieri, le ragazze sono state vittime due volte. Lo scrive, in un intervento sul Corriere della Sera, il magistrato Fabio Roia, secondo cui «il verbale della testimonianza delle studentesse americane ci propone uno spaccato di quanto può avvenire nei tribunali quando le strategie difensive tendono a processare le vittime per difendere i (presunti) colpevoli, travalicando i limiti posti anche dalle leggi».

LEGGI ANCHE ---> Le domande choc alle due americane: "Trovate sexy le divise? Urlavate di dolore o di piacere?"

«Traspare ancora una pericolosa incrostazione culturale che induce alcuni protagonisti del processo a pensare che la difesa debba passare sempre per una vivisezione culturale e anamnestica della vittima fino a coglierne l'aspetto peggiore», evidenzia Roia. «In questo caso il giudice ha doverosamente impedito il compimento di questa impropria tentazione, garantendo quel rispetto diffuso che dovrebbe sempre orientare le condotte di chi per professione tratta di sofferenza umana».

Roia invoca «interventi strutturali che obblighino gli attori del processo, dagli avvocati ai magistrati, a una formazione tecnica e culturale: una specie di abilitazione che valuti capacità e competenze. E che preveda, nel caso di violenza giudiziaria nel processo penale, delle responsabilità deontologiche e disciplinari. Se una vittima dovesse incontrare avvocati e giudici che la sottopongono a un processo personale dovrebbe denunciare le violenze in toga a tutti gli organismi in grado di sanzionare chi questo processo ha imbastito».

Giovedì 15 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 13:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME