Papà di 27 anni trovato morto in casa: mistero sulle cause del decesso
di Marco Aldighieri

Padova: papà di 27 anni trovato morto in casa: mistero sulle cause del decesso

È avvolta nel mistero la morte di un giovane papà marocchino di appena 27 anni. Yassine Rimani, sposato e con una figlia di appena tre anni, è stato trovato ieri all'ora di pranzo privo di vita in un appartamento di via Giovanni Brotto in zona Terranegra a Padova. Sul posto è intervenuta un'ambulanza del Suem 118 e una pattuglia della polizia. Le cause del decesso non sono chiare e l'autorità giudiziaria nelle prossime ore potrebbe ordinare l'autopsia sul corpo dello straniero.


I FATTI

Il giorno prima il 27enne nordafricano è stato fermato dalla polizia per un controllo a Mestre. Yassine è stato regolarizzato in Italia grazie alla sanatoria, ma gli agenti hanno potuto verificare la presenza di una lacuna nei suoi documenti relativi al permesso di soggiorno. Così lo hanno invitato a presentarsi, l'indomani, alla Questura di Padova da dove aveva iniziato l'iter per la regolarizzazione. E Yassine, l'altro giorno, è andato in Questura affiancato dal mediatore culturale Brahim Azakay presidente dell'associazione culturale berbera marocchina Assais e piccolo imprenditore con un'impresa di pulizie. «L'ho accompagnato in Questura - ha raccontato Azakay - per aiutarlo con i documenti. La moglie e la figlia sono in Marocco e lui voleva lavorare qui in Italia. Terminato in Questura, si è trasferito in un alloggio a Terranegra insieme a un altro connazionale per trascorrere la notte».


IL RITROVAMENTO

Ieri mattina l'inquilino di Yassine si è svegliato alle 6 per recarsi al lavoro. Intorno all'ora di pranzo, non avendo più notizie del 27enne ha iniziato a preoccuparsi. Lo ha chiamato più volte al telefono cellulare senza ottenere risposta. Allora intorno alle 13 è rientrato a casa e ha trovato Yassine privo di sensi. Subito ha chiamato Brahim Azakay per avere aiuto. «Io abito poco distante da via Brotto - ha ripreso il mediatore culturale - e ho corso per arrivare in velocità. Ho chiamato il Suem 118 e al telefono un operatore, in attesa dell'arrivo dell'ambulanza, mi ha indicato come praticargli il messaggio cardiaco. Io ho provato più e più volte, ma vedevo che non dava segni di vita. Il corpo quando sono intervenuto era già freddo. Non c'è stato nulla da fare». Poco dopo in via Brotto è intervenuta un'ambulanza della Croce Verde e una pattuglia della polizia. 


LE INDAGINI

«Credo sia morto durante la notte - ha dichiarato il presidente dell'associazione Assais - forse era un po' stressato. Non so cosa possa essergli accaduto. Adesso lasciamo che la polizia faccia il suo lavoro, per capire la causa della morte di questo giovane papà marocchino. Credo che abbiano anche disposto l'autopsia». Gli agenti quando sono intervenuti non avrebbero trovato segni di effrazione o di lotta. E neppure tracce di sostanze stupefacenti. «Ho avvisato della morte del 27enne - ha terminato Azakay - il console del Marocco. Speriamo si faccia piena luce».

 


Ultimo aggiornamento: Sabato 13 Febbraio 2021, 15:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA